Passa ai contenuti principali

Il libro del cuore (Kokoro no maki)


Il breve testo del "Kokoro no maki", trattatello giapponese in uso nei manuali di budo e dalle fortissime influenze zen.


Quando il cuore è pieno di cose, il corpo si sente costretto; quando è vuoto, il corpo si sente libero.

Quando nel cuore c’è troppo riserbo, amore e rispetto sono perduti; quando il cuore è libero dal riserbo, amore e rispetto sono ottenuti.

Quando il cuore è pieno di passione istintiva, i principi sono dimenticati; quando è libero dalla passione istintiva, i principi sono ricordati.

Quando il cuore è concentrato sullo sfarzo, le apparenze ingannano; quando è libero dall’artifizio, ciò che è appare.

Quando il cuore è pieno d’orgoglio, invidiamo gli altri; quando è libero dall’orgoglio, li rispettiamo.

Quando il cuore è pieno di noi stessi, dubitiamo degli altri; quando è disinteressato, ci fidiamo di loro.

Quando il cuore è pieno d’errore, gli altri appaiono temibili; quando è libero dall’errore, non c’è nulla da temere.

Quando il cuore è pieno di ostacoli, gli altri vengono danneggiati; quando è libero da ostacoli, nessuno è danneggiato.

Quando il cuore è pieno di cupidigia, gli altri sono adulati; quando è libero dalla cupidigia, non c’è bisogno di adulare.

Quando il cuore è pieno di collera, le parole sono aspre; quando è libero dalla collera, sono pacifiche.

Quando il cuore è pieno di pazienza, tutto può essere aggiustato; quando non è paziente, ogni cosa crolla.

Quando il cuore è pieno di arroganza, ignoriamo la virtù degli altri; quando è libero dall’arroganza, la apprezziamo.

Quando il cuore è pieno di avidità, le richieste sono infinite; quando è libero dall’avidità, non serve nulla più di ciò che si ha.

Quando il cuore è pieno d’illusione, gli altri vengono biasimati; quando è libero dall’illusione, nessuno è schernito.

Quando il cuore è pieno di sincerità, è possibile accontentarsi; quando il cuore non è sincero, non ci si riesce.

- ZEN -
- Cultura Zen - macrolibrarsi.it
- Tutto Zen - amazon
- Fonte

Commenti

Post popolari in questo blog

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.

"La legge del Karma, spiegata ad un bambino" di Mohan

Padre e figlio stanno passeggiando nella foresta. A un certo punto il bambino inciampa e cade. Il forte dolore lo fa gridare: "Ahhhhh!". Con sua massima sorpresa, ode una voce tornare dalla montagna: "Ahhhhh!". Pieno di curiosità, grida: "Chi sei?" - ma l'unica risposta che riceve è: "Chi sei?". Questo lo fa arrabbiare, così grida: "Sei solo un codardo!" - e la voce risponde: "Sei solo un codardo!"

Ogni alba è un simbolo sacro

"Quando al mattino ti svegli, ringrazia il tuo Dio per la luce dell'aurora, per la vita che ti ha dato e per la forza che ritrovi nel tuo corpo. Ringrazia il tuo Dio anche per il cibo che ti dà e per la gioia della vita. Se non trovi un motivo per elevare una preghiera di ringraziamento, allora vuol dire che sei in errore" (Tecumseh, Shawnee).