Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2016

Mente, semplicità, sensibilità - Jiddu Krishnamurti

Una mente che si conforma a un qualunque modello di autorità, interna o esterna, non può essere sensibile. E soltanto quando una mente è veramente sensibile, vigile, consapevole di tutte le proprie vicende, reazioni, pensieri, quando non tende più a diventare qualcosa, quando non plasma più se stessa per essere qualcosa, solo allora è capace di accogliere ciò che è la verità.

Meglio piacere molto a pochi che poco a tanti

Contrariamente a quanto alcune persone potrebbero credere, non c'è nulla di male nell'esperienza del piacere e del godimento. Quel che è sbagliato è il modo confuso con cui ci aggrappiamo a questi piaceri, trasformandoli così da una fonte di felicità in una fonte di dolore e di malcontento. (Lama Thubten Yeshe)

Meditate sulla parola "armonia" - Aivanhov

"Meditate sulla parola “armonia”, concentratevi su di essa e nutritevene affinché il pensiero dell'armonia impregni a poco a poco tutte le vostre cellule. È attraverso l'armonia che attiriamo gli spiriti luminosi del mondo invisibile (per spiriti luminosi non intendete per forza delle entità, bensì tutto ciò che di più positivo possa esistere - ndr), ed essi diventano nostri amici e non ci lasciano più.