Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2015

Il lavoro della consapevolezza - Nisargadatta Maharaj

Osservandoti nella vita quotidiana con attento interesse, con l'intenzione di capire piuttosto che di giudicare, nell'accettazione completa di qualunque cosa possa emergere, per il solo fatto che è lì, tu dai modo a ciò che è profondo di venire in superficie e di arricchire la tua vita e la tua coscienza con le sue energie imprigionate.

Ai miei amici - Paramahansa Yogananda

Ai miei amici, di ogni paese, auguri e benevolenza!

Ovunque voi siate, chiunque voi siate, di qualunque colore, razza, o credo, V'invio il mio amore e il pegno della mia lealtà. Voi, che per centinaia di anni, o per solo un giorno, avete lavorato e lottato per la giustizia, la libertà, e la Verità, ricevete la mia gratitudine e la mia devozione.

Pensieri e massime

Io credo che la natura umana sia fondamentalmente positiva e gentile; perciò la via della nonviolenza è la via dell'uomo. (Tenzin Gyatso, XIV Dalai Lama)

Sentitevi immortali, perché lo siete. (Vivekananda)

Haiku

Haiku, componimento poetico giapponese che consta di diciassette sillabe distribuite in tre gruppi di cinque, sette e cinque sillabe. Nacque come invito all'ironia e aveva intenti comico-satirici, ma nel XVII secolo, Basho pose fine a questa tendenza destinando i versi a espressioni tipicamente liriche». La forma haiku è dunque una rigorosa interpretazione del soggetto pensante che, affidandosi alla rapidità del frammento - o alla frammentazione della rapidità espressiva - racchiude in un esiguo spazio di qualche immagine una impressione, un sobbalzo del cuore, un'aritmia. L'haiku ha avuto anche da noi, nei più recenti decenni, qualche lodevole applicazione, ma ha perduto però l'incanto che i poeti originali giapponesi avevano affidato ai loro graziosi e squisiti «improvvisi».

Pensieri da "diario di bordo" - Joseph Goldstein

Una grande distrazione sono, a volte, i pensieri da «diario di bordo», tipo: «Adesso non sto pensando a niente»; «Le cose adesso vanno molto bene»; «È un disastro: la mia mente non riesce a stare tranquilla nemmeno un po'» e così via... Tutti questi pensieri andrebbero semplicemente etichettati come pensieri e, come dice Huang Po, «lasciati cadere come un pezzo di legno marcio». Lasciati cadere, non soppressi.

La ricerca del profumo

Tempo fa ricevetti, mediante newsletter, questo splendido racconto ...

Il poeta tedesco Rilke abitò per un certo periodo a Parigi. Per andare all'Università percorreva ogni giorno, in compagnia di una sua amica francese, una strada molto frequentata. Un angolo di questa via era permanentemente occupato da una mendicante che chiedeva l'elemosina ai passanti.

Uno dei segreti del successo - Omraam Mikhael Aivanhov

"Esercitate la vostra facoltà di osservazione. Quando uscite da un luogo, dovreste essere capaci di descriverlo, non tanto perché quel luogo sia necessariamente di un certo interesse, quanto per il fatto che è importante esercitarsi ad osservare.

Senza peccato non c’è redenzione ... - Paolo D’Arpini

Lasciate che i pargoli ... dicano la verità. «[...] mi sovviene una storiella, forse vera e comunque verosimile, appresa da Osho, ed il fatto sembra accadde realmente in una scuola missionaria d’oltre oceano.

La soglia interiore - Osho

"Solo la meditazione può rendere civilizzata l’umanità, perché solo la meditazione permette di sprigionare la creatività che ogni essere umano possiede, sottraendogli al tempo stesso la distruttività. La meditazione porterà alla luce la tua compassione, e si porterà via la tua crudeltà. La meditazione ti renderà responsabile di fronte al tuo stesso essere, per cui non potrai più agire come un criminale.

Tutto è uno - Albert Einstein

"Un essere umano è parte di un tutto che chiamiamo 'universo', una parte limitata nel tempo e nello spazio.

Sperimenta se stesso, i pensieri e le sensazioni come qualcosa di separato dal resto, in quella che è una specie di illusione ottica della coscienza.