Passa ai contenuti principali

La realizzazione della propria vera natura - Ramana Maharshi

Per quanto si sostenga che per riuscire nella meditazione non bisogna avere avere scopi, il suo fine rimane sempre quello di realizzare la propria vera natura.


«Una donna ha al collo una collana, ma si dimentica di averla e immagina d'averla persa. Così si mette febbrilmente a cercarla di qua e di là, dappertutto. Non trovandola, chiede a tutti gli amici se l'abbiano vista, finché un amico gentile non le indica il collo e le dice di toccare lei stessa con mano la collana che indossa. La donna obbedisce e prova una felicità immensa per averla ritrovata. In seguito, quando incontra gli altri amici che le chiedono se abbia ritrovato la collana, risponde di sì, e racconta di come avesse creduto d'averla perduta e invece l'abbia successivamente ritrovata. La felicità provata nel ritrovarsela al collo è pari alla felicità che avrebbe provato ritrovando un bene effettivamente perduto, ma, in effetti, non l'ha mai persa né recuperata. Tuttavia prima era disperata e adesso è felice. La stessa cosa avviene con la realizzazione della propria vera natura.»

(Ramana Maharshi)

- L'insegnamento di sri Ramana Maharshi - Maharshi Ramana
- Libri › "Maharshi Ramana" - Amazon.it

- I libri consigliati di Sri Ramana Maharshi - macrolibrarsi.it
- Meditazione nel web » Aforismi » Ramana Maharshi
- it.wikipedia.org/wiki/Ramana_Maharshi

Commenti

Post popolari in questo blog

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.

"La legge del Karma, spiegata ad un bambino" di Mohan

Padre e figlio stanno passeggiando nella foresta. A un certo punto il bambino inciampa e cade. Il forte dolore lo fa gridare: "Ahhhhh!". Con sua massima sorpresa, ode una voce tornare dalla montagna: "Ahhhhh!". Pieno di curiosità, grida: "Chi sei?" - ma l'unica risposta che riceve è: "Chi sei?". Questo lo fa arrabbiare, così grida: "Sei solo un codardo!" - e la voce risponde: "Sei solo un codardo!"

La rana non s’ingozza mai di tutta l’acqua dello stagno in cui vive

"Attendetevi che i fiumi scorrano all'incontrario allo stesso modo che ogni uomo nato libero sia contento d'essere rinchiuso entro limiti precisi senza la libertà di andare dove vuole (Saggezza nativa americana)".