Passa ai contenuti principali

Venti minuti - Sogyal Rinpoche

Spesso la gente mi chiede: “Quanto a lungo devo meditare? E quando? Devo praticare venti minuti al mattino e venti minuti alla sera, o è meglio fare ripetute sedute brevi durante il giorno?” Si, è buono meditare venti minuti, anche se non è che venti minuti siano un limite. Non ho trovato alcun riferimento nelle scritture su “venti minuti”; credo che sia un’idea sorta in Occidente, personalmente la chiamo: Tempo Standard Occidentale.


Il punto non è quanto a lungo meditate; il punto è se la pratica vi porta realmente ad un certo stato di consapevolezza e presenza mentale, dove siate un po’ più aperti ed in grado di connettervi con il cuore della vostra essenza. E cinque minuti di pratica seduta consapevole e risvegliata, ha un valore ben più importante di venti minuti di sonnolenza!

Sogyal Rinpoche

- http://it.wikipedia.org/wiki/Sogyal_Rinpoche
- Libri di Sogyal Rimpoche - macrolibrarsi
- Sogyal Rinpoche - Amazon.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.

Il Sutra della Lampadina (satira buddhista)

I - Così l'ho sentito.

Una volta il Bhagavan si trovava a Rajagriha sul Poggio dell'Avvoltoio, accompagnato da una grande folla di bikkhu e di una grande folla di bodhisattva. Era tardi, e in quel momento, benché la notte fosse sul punto di calare, il Bhagavan stava concentrato su quella parte dei dharma chiamata Profonda Illuminazione che lo faceva brillare nella penombra.

"La legge del Karma, spiegata ad un bambino" di Mohan

Padre e figlio stanno passeggiando nella foresta. A un certo punto il bambino inciampa e cade. Il forte dolore lo fa gridare: "Ahhhhh!". Con sua massima sorpresa, ode una voce tornare dalla montagna: "Ahhhhh!". Pieno di curiosità, grida: "Chi sei?" - ma l'unica risposta che riceve è: "Chi sei?". Questo lo fa arrabbiare, così grida: "Sei solo un codardo!" - e la voce risponde: "Sei solo un codardo!"