Passa ai contenuti principali

Una delle ultime conversazioni di Tiziano Terzani

Una delle ultime conversazioni con il figlio Folco. Di Tiziano Terzani.

Guarda la natura da questo prato, guardala bene ed ascoltala. Là un grillo, negli alberi tanti uccellini coi loro gridi e il loro pigolìo, i grilli nell'erba un grande concerto che vive di vita sua completamente indifferente distaccato da quel che mi succede, dalla morte che aspetto. Che lezione!

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Per questo io sto benissimo, sono sereno, da mesi sento dentro di me un centro di gioia che si irradia in ogni direzione. Mi pare di non essere mai stato così leggero e felice. Io, io sto benissimo. E' il corpo che fa acqua da tutte le parti e ormai non mi resta che staccarmene e abbandonarlo al suo destino di cosa che marcisce. Senza alcuna angoscia, come la cosa più naturale del mondo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.

"La legge del Karma, spiegata ad un bambino" di Mohan

Padre e figlio stanno passeggiando nella foresta. A un certo punto il bambino inciampa e cade. Il forte dolore lo fa gridare: "Ahhhhh!". Con sua massima sorpresa, ode una voce tornare dalla montagna: "Ahhhhh!". Pieno di curiosità, grida: "Chi sei?" - ma l'unica risposta che riceve è: "Chi sei?". Questo lo fa arrabbiare, così grida: "Sei solo un codardo!" - e la voce risponde: "Sei solo un codardo!"

Ogni alba è un simbolo sacro

"Quando al mattino ti svegli, ringrazia il tuo Dio per la luce dell'aurora, per la vita che ti ha dato e per la forza che ritrovi nel tuo corpo. Ringrazia il tuo Dio anche per il cibo che ti dà e per la gioia della vita. Se non trovi un motivo per elevare una preghiera di ringraziamento, allora vuol dire che sei in errore" (Tecumseh, Shawnee).