Passa ai contenuti principali

Satprem (1923-2007)

Riporto alcuni brevi cenni biografici su Satprem, l'esponente più importante dello yoga di Sri Aurobindo (Calcutta 1872 - Pondicherry 1950) e Mirra Alfassa più nota come "Mère", in italiano "la Madre" (Parigi 1878 - Pondicherry 1973).

Satprem, marinaio e bretone, anche se nato a Parigi nel 1923. Partecipa alla Resistenza e viene arrestato dalla Gestapo all'età di vent'anni, trascorre un anno e mezzo in campo di concentramento. Ne esce devastato, per ritrovarsi nell'Alto Egitto, poi in India, al governatorato di Pondichéry. Qui incontra Sri Aurobindo e Mère. Rimane sconvolto dal loro messaggio: "L'uomo è un essere di transizione", si dimette dall'amministrazione coloniale e parte all'avventura, passa un anno in Guyana nella foresta vergine, quindi in Brasile, in Africa...

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Nel 1953, all'età di trent'anni, torna definitivamente in India, presso Colei che cercava il segreto del passaggio alla "prossima specie", Mère, di cui diverrà il confidente e il testimone per quasi vent'anni. Dedica un primo saggio a Sri Aurobindo (Sri Aurobindo e l'Avventura della coscienza, tr. it. Edizioni Mediterranee, Roma 1991).

A partire dal 1974 scrive una trilogia: 1. Il Materialismo divino, 2. La nuova specie, 3. La Mutazione della morte (tr. it. Ubaldini editore, Roma); raccoglie e pubblica il favoloso documento del cammino di Mère, l'Agenda, in 13 volumi (tr. it. a cura dell'Istituto di Ricerche Evolutive, Edizioni Mediterranee, Roma), poi scrive il saggio "La Mente delle cellule" (tr. it. Edizioni Mediterranee, Roma 1998).

Con la compagna Sujata si ritira definitivamente per buttarsi nell'ultima avventura: la ricerca del "grande passaggio" evolutivo verso ciò che seguirà all'Uomo.

Nel 1989, dopo sette anni intensi trascorsi a "scavare nel corpo", Satprem scrive un breve racconto autobiografico in cui fa il punto sulla situazione umana, La rivolta della Terra (tr. it. Ed. Mediterranee, Roma ) Nel 1992 scrive Evoluzione 2: dopo l'Uomo, chi? Ma soprattutto; dopo l'Uomo, come?

Nel 1994 escono i due volumi delle Lettere di un Insubordinato, una testimonianza di un percorso di quarant'anni - vero e proprio viaggio attraverso l'umanità. I libri più recenti di Satprem, non ancora tradotti in italiano, vanno da La Tragedia della Terra - da Sofocle a Sri Aurobindo, che descrive l'intera curva dell'umanità a partire dai Veggenti vedici e dalle domande di Sofocle, all'alba della nostra era barbarica, fino a Sri Aurobindo, che ci dà la chiave del nostro potere trasformatore nella materia. A partire dal 1998 Satprem ha scritto La Clef des Contes, Néanderthal regarde (1999), La Légende de l'Avenir (2000), Mémoires d'un Patagonien. L'Institut de Recherches Evolutives cura, a partire dal 1999 gli straordinari Diari compilati a partire dal 1973 (l'anno della dipartita di Mère), Carnets d'une Apocalypse, di cui sono usciti finora quattro volumi (1973-78, 1978-82, 1982-83, 1984).

Aggiornamenti: Satprem ha lasciato questa Terra il 9 aprile 2007. La sua dolce compagna, Sujata, il 4 maggio 2007.

- Satprem - Amazon
- Satprem - Macrolibrarsi

Commenti

Post popolari in questo blog

Com'è fresco il soffio del vento! - Thich Nhat Hanh

« Com'è fresco il soffio del vento!
La pace è ogni passo.
E fa gioioso il sentiero senza fine. »
(Thich Nhat Hanh, La pace è ogni passo)

Thich Nhat Hanh, monaco zen vietnamita, poeta e attivo sostenitore dei processi di pace, maestro di meditazione, è oggi insieme al Dalai Lama una delle figure più rappresentative del Buddhismo nel mondo. Nato in Vietnam centrale nel 1926, ordinato monaco all’età di 16 anni, ha interpretato e promosso, fin dalla giovinezza, il buddhismo quale strumento per portare pace, riconciliazione e fratellanza nella società.

Citazioni da alcune Upanishad: liberazione

La liberazione è la distruzione della schiavitù, che consiste nella sensazione di possedere personalmente gli oggetti, concepiti come fonte di piacere o dolore. Questa distruzione si ottiene distinguendo tra ciò che è imperituro e ciò che è transeunte in quest'universo effimero. (Niralambopanisad 31)

Dialogo di Gandhi con un buddhista

Il dialogo che segue si svolse ad Abottabad tra Gandhi e il dr Fabri, un archeologo ungherese che, oltre ad essere autore di scoperte archeologiche, per molti anni lavoro' alle dipendenze del Dipartimento archeologico dell'India, collaborando alla riorganizzazione del museo di Lahore. "Scavando" in profondita' nella cultura buddhista era diventato razionalista. In precedenza aveva intrattenuto una corrispondenza epistolare con Gandhi, e aveva anche digiunato in solidarieta' con lui. Era venuto ad Abbottabad apposta per incontrare il Mahatma. In particolare, era interessato alla forma e al contenuto della preghiera e desiderava ardentemente sapere in che modo Gandhi pregasse.