Passa ai contenuti principali

Non basta il titolo di ghesce per essere un lama - Dalai Lama

Non basta avere conseguito il titolo di ghesce (*) per essere degni dell'appellativo di lama (**). Per ignoranza, in Tibet si diceva che un gran lama era distinguibile dagli altri per il gran seguito di gente a cavallo che gli faceva da scorta. Era una falsa convinzione.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Poteva capitare che un monaco o una persona comune, pur avendo sviluppato grandi qualità di compassione, se non aveva una grande carovana al seguito non veniva considerato come un grande maestro. Questo è totalmente sbagliato e induce in errore. Nello stesso modo, nella società tibetana vigeva la disdicevole abitudine di rincorrere tutti coloro che venivano detti reincarnati o tulku (***), e di disinteressarsi dei ghesce veramente qualificati. I tulku o i lama reincarnati divennero così quasi una classe sociale. Spesso mi diverto a scherzare dicendo che si può diventare lama ma non tulku, intendendo che si può essere ben qualificati anche senza detenere il titolo di tulku. Poi ci sono i tulku lama, che hanno un vasto stuolo di seguaci, coi loro attendenti e maestri di rituali e così via. Ma i reincarnati, in sé, non detengono alcuna qualità speciale, nemmeno rispetto alle pratiche. In questo caso è meglio chiamarlo semplicemente tulku, ma non lama.

(Tenzin Gyatso, XIV Dalai Lama - copyleft perle.risveglio.net)

Note del curatore:
(*) Ghesce è un dottorato, che si consegue con uno studio di tipo universitario.
(**) Lama è il maestro spirituale, il guru.
(***) Tulku, secondo le credenze tibetane, è un bodhisattva reincarnato.

- Dalai Lama (Amazon.it)
- Il Dalai Lama su Macrolibrarsi.it
- Il Dalai Lama su Wikipedia
- Frasi celebri del Dalai Lama

Commenti

Post popolari in questo blog

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.

Il Sutra della Lampadina (satira buddhista)

I - Così l'ho sentito.

Una volta il Bhagavan si trovava a Rajagriha sul Poggio dell'Avvoltoio, accompagnato da una grande folla di bikkhu e di una grande folla di bodhisattva. Era tardi, e in quel momento, benché la notte fosse sul punto di calare, il Bhagavan stava concentrato su quella parte dei dharma chiamata Profonda Illuminazione che lo faceva brillare nella penombra.

"La legge del Karma, spiegata ad un bambino" di Mohan

Padre e figlio stanno passeggiando nella foresta. A un certo punto il bambino inciampa e cade. Il forte dolore lo fa gridare: "Ahhhhh!". Con sua massima sorpresa, ode una voce tornare dalla montagna: "Ahhhhh!". Pieno di curiosità, grida: "Chi sei?" - ma l'unica risposta che riceve è: "Chi sei?". Questo lo fa arrabbiare, così grida: "Sei solo un codardo!" - e la voce risponde: "Sei solo un codardo!"