Passa ai contenuti principali

Non basta il titolo di ghesce per essere un lama - Dalai Lama

Non basta avere conseguito il titolo di ghesce (*) per essere degni dell'appellativo di lama (**). Per ignoranza, in Tibet si diceva che un gran lama era distinguibile dagli altri per il gran seguito di gente a cavallo che gli faceva da scorta. Era una falsa convinzione.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Poteva capitare che un monaco o una persona comune, pur avendo sviluppato grandi qualità di compassione, se non aveva una grande carovana al seguito non veniva considerato come un grande maestro. Questo è totalmente sbagliato e induce in errore. Nello stesso modo, nella società tibetana vigeva la disdicevole abitudine di rincorrere tutti coloro che venivano detti reincarnati o tulku (***), e di disinteressarsi dei ghesce veramente qualificati. I tulku o i lama reincarnati divennero così quasi una classe sociale. Spesso mi diverto a scherzare dicendo che si può diventare lama ma non tulku, intendendo che si può essere ben qualificati anche senza detenere il titolo di tulku. Poi ci sono i tulku lama, che hanno un vasto stuolo di seguaci, coi loro attendenti e maestri di rituali e così via. Ma i reincarnati, in sé, non detengono alcuna qualità speciale, nemmeno rispetto alle pratiche. In questo caso è meglio chiamarlo semplicemente tulku, ma non lama.

(Tenzin Gyatso, XIV Dalai Lama - copyleft perle.risveglio.net)

Note del curatore:
(*) Ghesce è un dottorato, che si consegue con uno studio di tipo universitario.
(**) Lama è il maestro spirituale, il guru.
(***) Tulku, secondo le credenze tibetane, è un bodhisattva reincarnato.

- Dalai Lama (Amazon.it)
- Il Dalai Lama su Macrolibrarsi.it
- Il Dalai Lama su Wikipedia
- Frasi celebri del Dalai Lama

Commenti

Post popolari in questo blog

Com'è fresco il soffio del vento! - Thich Nhat Hanh

« Com'è fresco il soffio del vento!
La pace è ogni passo.
E fa gioioso il sentiero senza fine. »
(Thich Nhat Hanh, La pace è ogni passo)

Thich Nhat Hanh, monaco zen vietnamita, poeta e attivo sostenitore dei processi di pace, maestro di meditazione, è oggi insieme al Dalai Lama una delle figure più rappresentative del Buddhismo nel mondo. Nato in Vietnam centrale nel 1926, ordinato monaco all’età di 16 anni, ha interpretato e promosso, fin dalla giovinezza, il buddhismo quale strumento per portare pace, riconciliazione e fratellanza nella società.

Citazioni da alcune Upanishad: liberazione

La liberazione è la distruzione della schiavitù, che consiste nella sensazione di possedere personalmente gli oggetti, concepiti come fonte di piacere o dolore. Questa distruzione si ottiene distinguendo tra ciò che è imperituro e ciò che è transeunte in quest'universo effimero. (Niralambopanisad 31)

Dialogo di Gandhi con un buddhista

Il dialogo che segue si svolse ad Abottabad tra Gandhi e il dr Fabri, un archeologo ungherese che, oltre ad essere autore di scoperte archeologiche, per molti anni lavoro' alle dipendenze del Dipartimento archeologico dell'India, collaborando alla riorganizzazione del museo di Lahore. "Scavando" in profondita' nella cultura buddhista era diventato razionalista. In precedenza aveva intrattenuto una corrispondenza epistolare con Gandhi, e aveva anche digiunato in solidarieta' con lui. Era venuto ad Abbottabad apposta per incontrare il Mahatma. In particolare, era interessato alla forma e al contenuto della preghiera e desiderava ardentemente sapere in che modo Gandhi pregasse.