Passa ai contenuti principali

Meditate sulla parola "armonia" - Aivanhov

"Meditate sulla parola “armonia”, concentratevi su di essa e nutritevene affinché il pensiero dell'armonia impregni a poco a poco tutte le vostre cellule. È attraverso l'armonia che attiriamo gli spiriti luminosi del mondo invisibile (per spiriti luminosi non intendete per forza delle entità, bensì tutto ciò che di più positivo possa esistere - ndr), ed essi diventano nostri amici e non ci lasciano più.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Sì, perché gli spiriti luminosi sono tenaci, altrettanto tenaci degli spiriti tenebrosi, di cui spesso è così difficile liberarsi (idem come sopra, anche se all'opposto; per spiriti tenebrosi si possono intendere pensieri malevoli - ndr). Perché mai gli amici non dovrebbero essere altrettanto tenaci dei nemici? Essi vengono a sostenerci, a illuminarci, a consigliarci, e se seguiamo i loro consigli siamo sempre ben ispirati. Perciò, anche nella peggiore situazione non bisogna disperare: un giorno essa volgerà a nostro favore perché saremo stati ben ispirati. Nulla è dunque più importante che coltivare quello stato di armonia che attirerà i nostri amici del mondo invisibile."

(Omraam Mikhael Aivanhov)

- Aivanhov su macrolibrarsi
- Aivanhov su Amazon.it
- Aivanhov su Wikipedia
- Prosveta pubblica le opere d'Aivanhov

Commenti

Post popolari in questo blog

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.

"La legge del Karma, spiegata ad un bambino" di Mohan

Padre e figlio stanno passeggiando nella foresta. A un certo punto il bambino inciampa e cade. Il forte dolore lo fa gridare: "Ahhhhh!". Con sua massima sorpresa, ode una voce tornare dalla montagna: "Ahhhhh!". Pieno di curiosità, grida: "Chi sei?" - ma l'unica risposta che riceve è: "Chi sei?". Questo lo fa arrabbiare, così grida: "Sei solo un codardo!" - e la voce risponde: "Sei solo un codardo!"

La rana non s’ingozza mai di tutta l’acqua dello stagno in cui vive

"Attendetevi che i fiumi scorrano all'incontrario allo stesso modo che ogni uomo nato libero sia contento d'essere rinchiuso entro limiti precisi senza la libertà di andare dove vuole (Saggezza nativa americana)".