Passa ai contenuti principali

L'incontro con se stessi - Carl Gustav Jung

"Chi guarda se stesso, rischia di incontrare se stesso. Lo specchio non lusinga, mostra diligentemente ciò che riflette, cioè quella faccia che non mostriamo mai al mondo perché la nascondiamo dietro il personaggio, la maschera dell'attore.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Questa è la prima prova di coraggio nel percorso interiore. Una prova che basta a spaventare la maggior parte delle persone, perché l'incontro con se stessi appartiene a quelle cose spiacevoli che si evitano fino a quando si può proiettare il negativo sull'ambiente."

- Carl Gustav Jung - Amazon
- Carl Gustav Jung - Macrolibrarsi

Commento: "Dal punto di vista di colui che medita e, quindi, della meditazione in senso lato, incontrare se stessi equivale a familiarizzare con la propria interiorità."

Commenti

  1. Grazie per questo bellissimo post! Marina Borruso, che e' stata per lungo tempo mia insegnante di meditazione e direi meglio di vita ripeteva spesso: "il cammino spirituale non e' un cammino di benessere" ed e' verissimo, quando si inzia a guardare dentro se stessi si inizia a vedere la realta' e spesso non e' piacevole, ma questo cammino alle volte faticoso e' meraviglioso, perche' quello che man mano emerge e' la verita' di chi siamo, al di la' della maschera dell'ego! per quanto alle volte puo' essere faticosissimo vale la pena di percorrerlo!!! Grazie a tutti i miei insegnanti che mi hanno giudato e che tutt'ora mi guidano. Simona Napolitani

    RispondiElimina

Posta un commento

Per cortesia, aggiungi solo commenti pertinenti. Se, invece, hai altri quesiti o vuoi contribuire al blog con un articolo sulla meditazione visita questa pagina.

Post popolari in questo blog

"La legge del Karma, spiegata ad un bambino" di Mohan

Padre e figlio stanno passeggiando nella foresta. A un certo punto il bambino inciampa e cade. Il forte dolore lo fa gridare: "Ahhhhh!". Con sua massima sorpresa, ode una voce tornare dalla montagna: "Ahhhhh!". Pieno di curiosità, grida: "Chi sei?" - ma l'unica risposta che riceve è: "Chi sei?". Questo lo fa arrabbiare, così grida: "Sei solo un codardo!" - e la voce risponde: "Sei solo un codardo!"

Com'è fresco il soffio del vento! - Thich Nhat Hanh

« Com'è fresco il soffio del vento!
La pace è ogni passo.
E fa gioioso il sentiero senza fine. »
(Thich Nhat Hanh, La pace è ogni passo)

Thich Nhat Hanh, monaco zen vietnamita, poeta e attivo sostenitore dei processi di pace, maestro di meditazione, è oggi insieme al Dalai Lama una delle figure più rappresentative del Buddhismo nel mondo. Nato in Vietnam centrale nel 1926, ordinato monaco all’età di 16 anni, ha interpretato e promosso, fin dalla giovinezza, il buddhismo quale strumento per portare pace, riconciliazione e fratellanza nella società.

Dal Canto di Mahamudra

Alcuni brani tratti dal "Canto di Mahamudra" di Tilopa. Il Mahamudra è l'insegnamento spirituale e il percorso di meditazione della scuola buddhista-tibetana Kagyu, iniziata proprio da Tilopa, nella quale rientrano il suo allievo Naropa, Marpa il Traduttore e il suo celeberrimo allievo Milarepa.