Passa ai contenuti principali

Come fu rintracciato l'attuale Dalai Lama?

Sua Santità Tenzin Gyatso, il 14° Dalai Lama.

Dal 1391 sino ai giorni nostri nel Tibet si sono reincarnati quattordici Dalai Lama. Sono chiamati "Sua Santità" e considerati dei Bodhisattva, cioè grandi maestri spirituali che hanno ormai superato il giogo delle morti-rinascite, ma tornano a reincarnarsi per aiutare l'umanità.

Ogni Dalai Lama predice l'epoca e il luogo della sua reincarnazione e anche il Grande Tredicesimo Dalai Lama aveva annunciato che sarebbe rinato poco dopo nel Nord-Est del Paese.

Così avvenne.

In che modo fu rintracciato il nuovo Dalai Lama?

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen (Buddha)

Due anni dopo la morte del Grande Tredicesimo, nel 1935, fu nominato un Reggente, che si assunse la responsabilità della ricerca del Quattordicesimo Dalai Lama. Il Reggente ebbe la visione di tre lettere dell'alfabeto tibetano, d'un monastero color verde-giada e oro, e d'una casa con le tegole color turchese. Prese nota di ogni dettaglio della visione, e pose sottochiave una copia sigillata dello scritto, così che non potesse essere modificato in seguito.

Dopo varie ricerche, finì per incamminarsi nel villaggio di Taktser, a NordEst del Tibet.

A un certo punto si trovò di fronte una casa dal tetto color turchese, presso un monastero color verde-giada e oro. Come esige il protocollo, egli, entrando in quella casa, nascose la sua identità: si presentò sotto le false spoglie d'un servo, facendo passare il suo servo per suo padrone. Senza sospetto, fu accolto e condotto in cucina a mangiare insieme agli altri servi. Qui egli vide un bambino di due anni che, trascurando i suoi giocattoli, gli corse incontro gridando: «Lama! Lama!», e gli si sedette in grembo.

Poi il bimbo afferrò un rosario, che era appartenuto al Grande Tredicesimo, ed esclamò: «È mio. Posso averlo, per favore?». «Si', puoi averlo; ma devi dirmi chi sono io!», gli ribatté il Reggente. «Tu sei Sera-aga», rispose il bimbo.

Sera-aga, nel dialetto locale, significa un lama del monastero di Sera, a Lhasa. (Da notare che il bimbo non aveva mai sentito parlare quel dialetto in casa).

A questo punto, il bimbo fu sottoposto all'accurato esame di una commissione di ricerca: seppe dire immediatamente il nome di tutti i commissari e scelse prontamente, tra tanti breviari, rosari e bastoni da passeggio, quelli appartenuti al Tredicesimo Dalai Lama.

Era stupefacente, in un bambino di due anni, la compostezza, la ponderazione, l'autocontrollo che dimostrava. Fu dunque proclamato Quattordicesimo Dalai Lama.

È il Dalai Lama attuale che, nel 1973, fu ricevuto in Vaticano da Paolo VI, il quale disse:

«Vostra Santità viene a noi dall'Asia, la culla delle antiche religioni e delle umane tradizioni che sono giustamente tenute in profonda venerazione». E aggiunse: «Questi modi di condotta e questi insegnamenti di altre religioni rispecchiano i raggi di verità eterna da cui tutti gli uomini sono illuminati».

- Dalai Lama (Amazon.it)
- Il Dalai Lama su Macrolibrarsi.it
- Frasi celebri del Dalai Lama

Commenti

Post popolari in questo blog

Com'è fresco il soffio del vento! - Thich Nhat Hanh

« Com'è fresco il soffio del vento!
La pace è ogni passo.
E fa gioioso il sentiero senza fine. »
(Thich Nhat Hanh, La pace è ogni passo)

Thich Nhat Hanh, monaco zen vietnamita, poeta e attivo sostenitore dei processi di pace, maestro di meditazione, è oggi insieme al Dalai Lama una delle figure più rappresentative del Buddhismo nel mondo. Nato in Vietnam centrale nel 1926, ordinato monaco all’età di 16 anni, ha interpretato e promosso, fin dalla giovinezza, il buddhismo quale strumento per portare pace, riconciliazione e fratellanza nella società.

Citazioni da alcune Upanishad: liberazione

La liberazione è la distruzione della schiavitù, che consiste nella sensazione di possedere personalmente gli oggetti, concepiti come fonte di piacere o dolore. Questa distruzione si ottiene distinguendo tra ciò che è imperituro e ciò che è transeunte in quest'universo effimero. (Niralambopanisad 31)

Dialogo di Gandhi con un buddhista

Il dialogo che segue si svolse ad Abottabad tra Gandhi e il dr Fabri, un archeologo ungherese che, oltre ad essere autore di scoperte archeologiche, per molti anni lavoro' alle dipendenze del Dipartimento archeologico dell'India, collaborando alla riorganizzazione del museo di Lahore. "Scavando" in profondita' nella cultura buddhista era diventato razionalista. In precedenza aveva intrattenuto una corrispondenza epistolare con Gandhi, e aveva anche digiunato in solidarieta' con lui. Era venuto ad Abbottabad apposta per incontrare il Mahatma. In particolare, era interessato alla forma e al contenuto della preghiera e desiderava ardentemente sapere in che modo Gandhi pregasse.