Passa ai contenuti principali

Nel sogno - AA. VV.

In sogno puoi smarrirti e perdere la via di casa; allora chiedi a qualcuno di mostrarti come ritornare oppure preghi Dio o il Buddha di aiutarti, ma nemmeno così riesci a tornare a casa. Una volta che ti svegli, tuttavia, ti accorgi di essere nel tuo letto e ti rendi conto che l'unico modo in cui nel sogno saresti potuto tornare a casa era di svegliarti. (Bassui Tokusho Zenji)

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Tu dormi ed entri nello stato di sogno. Nel sogno t'arrabbi e picchi qualcuno. In quello stato le mani e il corpo si muovono come se effettivamente picchiassi qualcuno. Ci sono persone che durante il sonno camminano. ... Ora, rifletti: in effetti non c'era nessuno che tu potessi picchiare ..., ma è semplicemente accaduto che i tuoi pensieri e condizionamenti mentali hanno prodotto movimenti nel corpo .... Questo è il punto più importante da capire. Se i condizionamenti mentali inconsci e i pensieri involontari possono produrre tutto questo effetto sul tuo corpo, quale potrà essere il risultato dei tuoi pensieri intenzionali e deliberati? (Baba Faqir Chand)

Come un grosso pesce nuota fra le rive di un fiume come più gli garba, così la coscienza si muove tra gli stati di sogno e di veglia. (Saggezza vedica Brihadaranyaka Upanishad)

Una delle cose che sono giunto a comprendere è che il risveglio diventa possibile quando si accetta l'idea che non possa essere «conseguito». Le dottrine, i processi e i sentieri graduali di ricerca del risveglio non fanno altro che esacerbare il problema che pretendono di risolvere, rafforzando l'idea che l'io possa trovare qualcosa che ha perduto. È questo stesso sforzo, questo investimento nell'identità dell'io che continua a ricreare l'illusione della separazione dall'unità. Questo è il velo che crediamo esista. È il sogno dell'individualità. (Saggezza buddista - Tony Parsons)

Commenti

Post popolari in questo blog

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.

Il Sutra della Lampadina (satira buddhista)

I - Così l'ho sentito.

Una volta il Bhagavan si trovava a Rajagriha sul Poggio dell'Avvoltoio, accompagnato da una grande folla di bikkhu e di una grande folla di bodhisattva. Era tardi, e in quel momento, benché la notte fosse sul punto di calare, il Bhagavan stava concentrato su quella parte dei dharma chiamata Profonda Illuminazione che lo faceva brillare nella penombra.

"La legge del Karma, spiegata ad un bambino" di Mohan

Padre e figlio stanno passeggiando nella foresta. A un certo punto il bambino inciampa e cade. Il forte dolore lo fa gridare: "Ahhhhh!". Con sua massima sorpresa, ode una voce tornare dalla montagna: "Ahhhhh!". Pieno di curiosità, grida: "Chi sei?" - ma l'unica risposta che riceve è: "Chi sei?". Questo lo fa arrabbiare, così grida: "Sei solo un codardo!" - e la voce risponde: "Sei solo un codardo!"