Passa ai contenuti principali

Cos'è l'attenzione? - Aivanhov

"Provate a convincere gli esseri umani che è della massima importanza essere vigili, attenti... Essi cercano di sviluppare ogni genere di altra facoltà, ma non particolarmente l'attenzione. Eppure, in quanti casi è l'attenzione più che l'intelligenza a permettere di riportare successi; e quanti incidenti sono dovuti all'assenza di vigilanza!

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Si racconta che in India, un uomo condannato a morte supplicava che gli fosse risparmiata la vita. Il giudice gli disse: «D'accordo, ti verrà data una possibilità. Vedi questa coppa piena d'acqua? Se riesci a fare il giro della città senza versarne neppure una goccia, avrai salva la vita. Altrimenti, verrai decapitato». L'uomo se ne andò con la coppa colma fino all'orlo... e quando tornò, non aveva perso una sola goccia! Il giudice gli chiese: «Allora, cosa hai visto in città, cosa hai udito?» Ma l'uomo non aveva visto niente, non aveva udito niente: tutta la sua attenzione era concentrata sulla coppa. Ecco che cos'è l'attenzione. E anche se non vi trovate nella stessa situazione di quel condannato, essa può salvarvi la vita."

(Omraam Mikhael Aivanhov)

- Aivanhov su macrolibrarsi
- Aivanhov su Amazon.it
- Aivanhov su Wikipedia
- Prosveta pubblica le opere d'Aivanhov

Commenti

Post popolari in questo blog

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.

"La legge del Karma, spiegata ad un bambino" di Mohan

Padre e figlio stanno passeggiando nella foresta. A un certo punto il bambino inciampa e cade. Il forte dolore lo fa gridare: "Ahhhhh!". Con sua massima sorpresa, ode una voce tornare dalla montagna: "Ahhhhh!". Pieno di curiosità, grida: "Chi sei?" - ma l'unica risposta che riceve è: "Chi sei?". Questo lo fa arrabbiare, così grida: "Sei solo un codardo!" - e la voce risponde: "Sei solo un codardo!"

La rana non s’ingozza mai di tutta l’acqua dello stagno in cui vive

"Attendetevi che i fiumi scorrano all'incontrario allo stesso modo che ogni uomo nato libero sia contento d'essere rinchiuso entro limiti precisi senza la libertà di andare dove vuole (Saggezza nativa americana)".