Passa ai contenuti principali

Mezzi di sostentamento - Thich Nhat Hanh

I retti mezzi di sostentamento hanno smesso d'essere un aspetto puramente personale. È il nostro karma collettivo. Fate conto che io sia un maestro di scuola e che creda che quella di consolidare nei bambini l'amore e la comprensione sia una bella occupazione. Se qualcuno dovesse chiedermi di smettere di insegnare e diventare, per esempio, un macellaio, mi rifiuterei.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Ma se meditassi sull'interrelazione di tutte le cose, potrei vedere che il macellaio non è l'unica persona responsabile delle uccisioni degli animali, perché fa il suo lavoro per tutti noi che mangiamo la carne. Noi siamo corresponsabili delle sue uccisioni. Possiamo pensare che i mezzi di sostentamento del macellaio siano sbagliati e i nostri siano giusti, ma se  non mangiassimo la carne, lui non dovrebbe uccidere, o ucciderebbe di meno. I retti mezzi di sostentamento sono una faccenda collettiva. La vita di ogni persona ci riguarda tutti e viceversa. I bambini del macellaio possono trarre beneficio dal mio insegnamento, mentre i miei bambini, nella misura in cui mangiano la carne, spartiscono una certa responsabilità nei mezzi di sostentamento del macellaio.

(Thich Nhat Hanh)

- Tutti i libri di Thich Nhat Hanh su Macrolibrarsi.it
- Thich Nhat Hanh su Amazon.it
- Thich Nhat Hanh su wikipedia
- EsserePace.org - Thich Nhat Hanh

Commenti

Post popolari in questo blog

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.

"La legge del Karma, spiegata ad un bambino" di Mohan

Padre e figlio stanno passeggiando nella foresta. A un certo punto il bambino inciampa e cade. Il forte dolore lo fa gridare: "Ahhhhh!". Con sua massima sorpresa, ode una voce tornare dalla montagna: "Ahhhhh!". Pieno di curiosità, grida: "Chi sei?" - ma l'unica risposta che riceve è: "Chi sei?". Questo lo fa arrabbiare, così grida: "Sei solo un codardo!" - e la voce risponde: "Sei solo un codardo!"

La rana non s’ingozza mai di tutta l’acqua dello stagno in cui vive

"Attendetevi che i fiumi scorrano all'incontrario allo stesso modo che ogni uomo nato libero sia contento d'essere rinchiuso entro limiti precisi senza la libertà di andare dove vuole (Saggezza nativa americana)".