Passa ai contenuti principali

Mezzi di sostentamento - Thich Nhat Hanh

I retti mezzi di sostentamento hanno smesso d'essere un aspetto puramente personale. È il nostro karma collettivo. Fate conto che io sia un maestro di scuola e che creda che quella di consolidare nei bambini l'amore e la comprensione sia una bella occupazione. Se qualcuno dovesse chiedermi di smettere di insegnare e diventare, per esempio, un macellaio, mi rifiuterei.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Ma se meditassi sull'interrelazione di tutte le cose, potrei vedere che il macellaio non è l'unica persona responsabile delle uccisioni degli animali, perché fa il suo lavoro per tutti noi che mangiamo la carne. Noi siamo corresponsabili delle sue uccisioni. Possiamo pensare che i mezzi di sostentamento del macellaio siano sbagliati e i nostri siano giusti, ma se  non mangiassimo la carne, lui non dovrebbe uccidere, o ucciderebbe di meno. I retti mezzi di sostentamento sono una faccenda collettiva. La vita di ogni persona ci riguarda tutti e viceversa. I bambini del macellaio possono trarre beneficio dal mio insegnamento, mentre i miei bambini, nella misura in cui mangiano la carne, spartiscono una certa responsabilità nei mezzi di sostentamento del macellaio.

(Thich Nhat Hanh)

- Tutti i libri di Thich Nhat Hanh su Macrolibrarsi.it
- Thich Nhat Hanh su Amazon.it
- Thich Nhat Hanh su wikipedia
- EsserePace.org - Thich Nhat Hanh

Commenti

Post popolari in questo blog

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.

Il Sutra della Lampadina (satira buddhista)

I - Così l'ho sentito.

Una volta il Bhagavan si trovava a Rajagriha sul Poggio dell'Avvoltoio, accompagnato da una grande folla di bikkhu e di una grande folla di bodhisattva. Era tardi, e in quel momento, benché la notte fosse sul punto di calare, il Bhagavan stava concentrato su quella parte dei dharma chiamata Profonda Illuminazione che lo faceva brillare nella penombra.

"La legge del Karma, spiegata ad un bambino" di Mohan

Padre e figlio stanno passeggiando nella foresta. A un certo punto il bambino inciampa e cade. Il forte dolore lo fa gridare: "Ahhhhh!". Con sua massima sorpresa, ode una voce tornare dalla montagna: "Ahhhhh!". Pieno di curiosità, grida: "Chi sei?" - ma l'unica risposta che riceve è: "Chi sei?". Questo lo fa arrabbiare, così grida: "Sei solo un codardo!" - e la voce risponde: "Sei solo un codardo!"