Passa ai contenuti principali

La conquista della paura - Chogyam Trungpa

Coraggio vuol dire andare oltre una visione limitata. Nel Sutra del Cuore [uno dei discorsi del Buddha ai suoi discepoli, ndr] si esorta ad andare "oltre". Andare oltre, «ga-te» in sanscrito, è una negazione precategoriale. Nel sutra il Buddha dice che non c'è nessun occhio, nessun orecchio, nessun suono, nessun odore: nessuna di queste cose.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Quando si sperimenta l'assenza di ego, la solidità della vostra vita e delle vostre percezioni va in pezzi. Ciò può essere molto deprimente o molto ispirante, in termini di shunyata, ovvero di comprensione buddista della vacuità. Molto semplicemente, è una negazione di base. È una vera espressione di coraggio. Nel modo buddista di vedere le cose, l'assenza di ego è preesistente, "oltre" i nostri preconcetti. Nello stato di assenza dell'ego tutto è molto semplice e chiaro. Quando cerchiamo di completare la chiarezza originaria dell'assenza di ego mettendoci sopra molte altre cose, quelle cose ne oscurano la luminosità originale, e diventano ostacoli e velature.

(Saggezza buddista - "Oltre" - Chogyam Trungpa, "La conquista della paura")

- Libri di "Chogyam Trungpa" su Amazon.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Com'è fresco il soffio del vento! - Thich Nhat Hanh

« Com'è fresco il soffio del vento!
La pace è ogni passo.
E fa gioioso il sentiero senza fine. »
(Thich Nhat Hanh, La pace è ogni passo)

Thich Nhat Hanh, monaco zen vietnamita, poeta e attivo sostenitore dei processi di pace, maestro di meditazione, è oggi insieme al Dalai Lama una delle figure più rappresentative del Buddhismo nel mondo. Nato in Vietnam centrale nel 1926, ordinato monaco all’età di 16 anni, ha interpretato e promosso, fin dalla giovinezza, il buddhismo quale strumento per portare pace, riconciliazione e fratellanza nella società.

Dialogo di Gandhi con un buddhista

Il dialogo che segue si svolse ad Abottabad tra Gandhi e il dr Fabri, un archeologo ungherese che, oltre ad essere autore di scoperte archeologiche, per molti anni lavoro' alle dipendenze del Dipartimento archeologico dell'India, collaborando alla riorganizzazione del museo di Lahore. "Scavando" in profondita' nella cultura buddhista era diventato razionalista. In precedenza aveva intrattenuto una corrispondenza epistolare con Gandhi, e aveva anche digiunato in solidarieta' con lui. Era venuto ad Abbottabad apposta per incontrare il Mahatma. In particolare, era interessato alla forma e al contenuto della preghiera e desiderava ardentemente sapere in che modo Gandhi pregasse.

Contemplazione e Meditazione

Le parole "contemplazione" e "meditazione" talvolta hanno significato diametralmente opposto a seconda che compaiano in un contesto occidentale o orientale.