Passa ai contenuti principali

La conquista della paura - Chogyam Trungpa

Coraggio vuol dire andare oltre una visione limitata. Nel Sutra del Cuore [uno dei discorsi del Buddha ai suoi discepoli, ndr] si esorta ad andare "oltre". Andare oltre, «ga-te» in sanscrito, è una negazione precategoriale. Nel sutra il Buddha dice che non c'è nessun occhio, nessun orecchio, nessun suono, nessun odore: nessuna di queste cose.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Quando si sperimenta l'assenza di ego, la solidità della vostra vita e delle vostre percezioni va in pezzi. Ciò può essere molto deprimente o molto ispirante, in termini di shunyata, ovvero di comprensione buddista della vacuità. Molto semplicemente, è una negazione di base. È una vera espressione di coraggio. Nel modo buddista di vedere le cose, l'assenza di ego è preesistente, "oltre" i nostri preconcetti. Nello stato di assenza dell'ego tutto è molto semplice e chiaro. Quando cerchiamo di completare la chiarezza originaria dell'assenza di ego mettendoci sopra molte altre cose, quelle cose ne oscurano la luminosità originale, e diventano ostacoli e velature.

(Saggezza buddista - "Oltre" - Chogyam Trungpa, "La conquista della paura")

- Libri di "Chogyam Trungpa" su Amazon.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Com'è fresco il soffio del vento! - Thich Nhat Hanh

« Com'è fresco il soffio del vento!
La pace è ogni passo.
E fa gioioso il sentiero senza fine. »
(Thich Nhat Hanh, La pace è ogni passo)

Thich Nhat Hanh, monaco zen vietnamita, poeta e attivo sostenitore dei processi di pace, maestro di meditazione, è oggi insieme al Dalai Lama una delle figure più rappresentative del Buddhismo nel mondo. Nato in Vietnam centrale nel 1926, ordinato monaco all’età di 16 anni, ha interpretato e promosso, fin dalla giovinezza, il buddhismo quale strumento per portare pace, riconciliazione e fratellanza nella società.

Dal Canto di Mahamudra

Alcuni brani tratti dal "Canto di Mahamudra" di Tilopa. Il Mahamudra è l'insegnamento spirituale e il percorso di meditazione della scuola buddhista-tibetana Kagyu, iniziata proprio da Tilopa, nella quale rientrano il suo allievo Naropa, Marpa il Traduttore e il suo celeberrimo allievo Milarepa.

I cinque precetti buddisti

La pratica buddista richiede che si osservino i cinque precetti fondamentali come impegno minimo, per non far  del male a se stessi e agli altri con le parole e con le azioni. Questi precetti si recitano regolarmente per ricordarsi dell'impegno assunto. I precetti sono: