Passa ai contenuti principali

Gioia suprema - Zuang-zi

C'è al mondo una gioia suprema che possa far vivere la persona umana? E, per assicurarsi questa gioia, su che cosa fondarsi? Che cosa evitare? Che cosa adottare? A che cosa avvicinarsi, da che cosa allontanarsi? Che cosa amare? Che cosa odiare? ...


Nel non-agire, secondo me, risiede la vera gioia. Ma tutti considerano il non-agire come la più grande delle sofferenze. Così è stato detto: "La gioia suprema è senza gioia; la gloria suprema è senza gloria". ...

Mi sia consentito di spiegarmi: il cielo non agisce, ecco il perché della sua limpidezza; la terra non agisce, ecco il perché della sua stabilità. Così, tutti e due si accordano per non agire, eppure grazie a loro tutte le cose si trasformano e si producono. Sfuggenti, inaccessibili, niente di percettibile scaturisce da loro, eppure da essi nascono tutti gli esseri e ciascuno ha il proprio rango. Così è stato detto: " Il cielo e la terra non fanno nulla, e non c'è nulla che non facciano".

Ma tra gli uomini, chi è in grado di non fare?

Brano tratto dal libro - Zhuang-zi [Chuang-tzu] - gli Adelphi


Commenti

Post popolari in questo blog

Com'è fresco il soffio del vento! - Thich Nhat Hanh

« Com'è fresco il soffio del vento!
La pace è ogni passo.
E fa gioioso il sentiero senza fine. »
(Thich Nhat Hanh, La pace è ogni passo)

Thich Nhat Hanh, monaco zen vietnamita, poeta e attivo sostenitore dei processi di pace, maestro di meditazione, è oggi insieme al Dalai Lama una delle figure più rappresentative del Buddhismo nel mondo. Nato in Vietnam centrale nel 1926, ordinato monaco all’età di 16 anni, ha interpretato e promosso, fin dalla giovinezza, il buddhismo quale strumento per portare pace, riconciliazione e fratellanza nella società.

Dal Canto di Mahamudra

Alcuni brani tratti dal "Canto di Mahamudra" di Tilopa. Il Mahamudra è l'insegnamento spirituale e il percorso di meditazione della scuola buddhista-tibetana Kagyu, iniziata proprio da Tilopa, nella quale rientrano il suo allievo Naropa, Marpa il Traduttore e il suo celeberrimo allievo Milarepa.

I cinque precetti buddisti

La pratica buddista richiede che si osservino i cinque precetti fondamentali come impegno minimo, per non far  del male a se stessi e agli altri con le parole e con le azioni. Questi precetti si recitano regolarmente per ricordarsi dell'impegno assunto. I precetti sono: