Passa ai contenuti principali

Aforismi sulla felicità - autori vari

Se non riesci a trovare la felicità, createla da solo, l'apprezzerai ancor di più.
- Anonimo -

La gioia non è nelle cose, è in noi stessi.-
- Jess Lair -

Se la vita non ti offre un gioco che valga la pena giocare, inventane tu uno nuovo.
- Anthony J. D'Angelo -

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Ricorda che la felicità non dipende da chi sei o da cosa hai. Dipende solamente da cosa pensi.
- Dale Carnegie -

Esercitare liberamente il proprio ingegno, ecco la vera felicità.
- Aristotele -

La felicità: un bel conto in banca, un bravo cuoco e una buona digestione.
- Jean Jacques Rousseau -

L'uomo stolto cerca la felicità lontano, il saggio la fa crescere sotto i propri piedi.
- J. Robert Oppenheimer -

"La felicità è amore, nient'altro. Felice è chi sa amare. Amore è ogni moto della nostra anima in cui essa senta se stessa e percepisca la propria vita. Felice è dunque chi è capace di amare molto. Ma amare e desiderare non è la stessa cosa. L'amore è il desiderio fattosi saggio; L'amore non vuole avere; vuole soltanto amare."
- Hermann Hesse -

Il pensare divide, il sentire unisce.
- Ezra Pound -

"Una lettera, nel momento in cui la infili nella busta, cambia completamente. Finisce di essere mia, diventa tua. Quello che volevo dire io è sparito. Resta solo quello che capisci tu."
- Cathleen Schine "La lettera d'amore" -

Commenti

Post popolari in questo blog

Com'è fresco il soffio del vento! - Thich Nhat Hanh

« Com'è fresco il soffio del vento!
La pace è ogni passo.
E fa gioioso il sentiero senza fine. »
(Thich Nhat Hanh, La pace è ogni passo)

Thich Nhat Hanh, monaco zen vietnamita, poeta e attivo sostenitore dei processi di pace, maestro di meditazione, è oggi insieme al Dalai Lama una delle figure più rappresentative del Buddhismo nel mondo. Nato in Vietnam centrale nel 1926, ordinato monaco all’età di 16 anni, ha interpretato e promosso, fin dalla giovinezza, il buddhismo quale strumento per portare pace, riconciliazione e fratellanza nella società.

Dialogo di Gandhi con un buddhista

Il dialogo che segue si svolse ad Abottabad tra Gandhi e il dr Fabri, un archeologo ungherese che, oltre ad essere autore di scoperte archeologiche, per molti anni lavoro' alle dipendenze del Dipartimento archeologico dell'India, collaborando alla riorganizzazione del museo di Lahore. "Scavando" in profondita' nella cultura buddhista era diventato razionalista. In precedenza aveva intrattenuto una corrispondenza epistolare con Gandhi, e aveva anche digiunato in solidarieta' con lui. Era venuto ad Abbottabad apposta per incontrare il Mahatma. In particolare, era interessato alla forma e al contenuto della preghiera e desiderava ardentemente sapere in che modo Gandhi pregasse.

Contemplazione e Meditazione

Le parole "contemplazione" e "meditazione" talvolta hanno significato diametralmente opposto a seconda che compaiano in un contesto occidentale o orientale.