Passa ai contenuti principali

Aforismi sulla felicità - autori vari

Se non riesci a trovare la felicità, createla da solo, l'apprezzerai ancor di più.
- Anonimo -

La gioia non è nelle cose, è in noi stessi.-
- Jess Lair -

Se la vita non ti offre un gioco che valga la pena giocare, inventane tu uno nuovo.
- Anthony J. D'Angelo -

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Ricorda che la felicità non dipende da chi sei o da cosa hai. Dipende solamente da cosa pensi.
- Dale Carnegie -

Esercitare liberamente il proprio ingegno, ecco la vera felicità.
- Aristotele -

La felicità: un bel conto in banca, un bravo cuoco e una buona digestione.
- Jean Jacques Rousseau -

L'uomo stolto cerca la felicità lontano, il saggio la fa crescere sotto i propri piedi.
- J. Robert Oppenheimer -

"La felicità è amore, nient'altro. Felice è chi sa amare. Amore è ogni moto della nostra anima in cui essa senta se stessa e percepisca la propria vita. Felice è dunque chi è capace di amare molto. Ma amare e desiderare non è la stessa cosa. L'amore è il desiderio fattosi saggio; L'amore non vuole avere; vuole soltanto amare."
- Hermann Hesse -

Il pensare divide, il sentire unisce.
- Ezra Pound -

"Una lettera, nel momento in cui la infili nella busta, cambia completamente. Finisce di essere mia, diventa tua. Quello che volevo dire io è sparito. Resta solo quello che capisci tu."
- Cathleen Schine "La lettera d'amore" -

Commenti

Post popolari in questo blog

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.

Il Sutra della Lampadina (satira buddhista)

I - Così l'ho sentito.

Una volta il Bhagavan si trovava a Rajagriha sul Poggio dell'Avvoltoio, accompagnato da una grande folla di bikkhu e di una grande folla di bodhisattva. Era tardi, e in quel momento, benché la notte fosse sul punto di calare, il Bhagavan stava concentrato su quella parte dei dharma chiamata Profonda Illuminazione che lo faceva brillare nella penombra.

"La legge del Karma, spiegata ad un bambino" di Mohan

Padre e figlio stanno passeggiando nella foresta. A un certo punto il bambino inciampa e cade. Il forte dolore lo fa gridare: "Ahhhhh!". Con sua massima sorpresa, ode una voce tornare dalla montagna: "Ahhhhh!". Pieno di curiosità, grida: "Chi sei?" - ma l'unica risposta che riceve è: "Chi sei?". Questo lo fa arrabbiare, così grida: "Sei solo un codardo!" - e la voce risponde: "Sei solo un codardo!"