Passa ai contenuti principali

Sii un'isola

Sii un'isola per te stesso, un rifugio per te stesso, senza dipendere da nessun altro, ma rifugiandoti nella verità e in nient'altro che nella verità. E come ti trasformerai in un'isola e in un rifugio per te stesso? In questo modo: osserva e contempla come il tuo corpo sia composto da tutte le forze dell'universo. Ardentemente e coscientemente dirigi il corpo trattenendo lo scontento per il mondo circostante.


Nello stesso modo, osserva e contempla le tue sensazioni corporee ed esercita lo stessa fermezza ed autocontrollo verso la schiavitù dell'avidità o del desiderio. Rendendoti conto che l'attaccamento al corpo e alle sensazioni è un'ostruzione alla percezione della verità, dimora nella padronanza di te stesso e nell'ardente liberazione da quei legami. In questo modo vivrai come un'isola per te stesso e come un rifugio per te stesso. Chiunque si stabilizzi in questa contemplazione, rendendosi un'isola con la verità e rifugiandosi nella verità, un tal persona passerà dall'oscurità alla luce.

 (Digha Nikaya)

Commenti

Post popolari in questo blog

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.

Il Sutra della Lampadina (satira buddhista)

I - Così l'ho sentito.

Una volta il Bhagavan si trovava a Rajagriha sul Poggio dell'Avvoltoio, accompagnato da una grande folla di bikkhu e di una grande folla di bodhisattva. Era tardi, e in quel momento, benché la notte fosse sul punto di calare, il Bhagavan stava concentrato su quella parte dei dharma chiamata Profonda Illuminazione che lo faceva brillare nella penombra.

"La legge del Karma, spiegata ad un bambino" di Mohan

Padre e figlio stanno passeggiando nella foresta. A un certo punto il bambino inciampa e cade. Il forte dolore lo fa gridare: "Ahhhhh!". Con sua massima sorpresa, ode una voce tornare dalla montagna: "Ahhhhh!". Pieno di curiosità, grida: "Chi sei?" - ma l'unica risposta che riceve è: "Chi sei?". Questo lo fa arrabbiare, così grida: "Sei solo un codardo!" - e la voce risponde: "Sei solo un codardo!"