Passa ai contenuti principali

Risveglio

Il risveglio non distrugge la vita, non la porta via, non la perde. Cionondimeno implica l'averla mollata. (Dogen, "Zen razionale")


Il risveglio è soltanto un accadimento impersonale, ma gli diamo il crisma d'un raggiungimento personale. Di conseguenza ci si pone la domanda: "Come ci si sente ad essere illuminati?". Una tal cosa come una persona illuminata non esiste. Il risveglio è solo un evento come un altro. C'è un'inondazione, un incendio, un terremoto; e c'è il risveglio, come una cosa che accade a tutto il processo, completamente parte del processo fenomenico. (Ramesh Balsekar)

Anche se esistono innumerevoli insegnamenti che insegnano come conseguire il risveglio in una vita futura, quasi tutti non sono altro che espedienti. Il vero insegnamento è che non c'è semplicemente alcun insegnamento superiore alla vera pratica del risveglio alla propria vera natura qui e ora. (Hakuin)

Commenti

  1. Anche non conoscendo cosa vuol dire risvegliarsi, "illuminarsi",queste parole mi rimangono dentro lasciando in me degli interrogativi.. come praticare questo risveglio? come illuminare la mia mente? come vivere la vita nel giusto modo e con ragionamento proprio? come capire c'ho che ancora non comprendo veramente? il mio primo passo è stato concepire che la reltà non è quella che sembra, che la vita di tutti i giorni è una continua monotonia, crescere pensando continuamente al futuro sognando cose irragiungibili senza neanche provare a inseguirle, vivendo così la mia vita senza un vero significato, cercando solo di divertirmi dando le spalle a c'ho che veramente conta, la famiglia, l'amore, sentimenti più profondi e non superficiali come il resto. Ancora penso troppo al mio futuro, mi preoccupa molto a dire la verità.. questa situazione di crisi, ancora sulle spalle della mia famiglia x via di non trovare un lavoro,nessun impegno nel provare a fare qualcosa nel presente rimandandolo al futuro aspettando che scenda un'opportunità dal cielo. cerco risposte ma forse non ho le giuste domande... è un peccato che nessuno commenti questi post, non parlo mai con nessuno di queste cose per paura di non essere compreso o per semplice vergogna, internet mi da la possibilità di comunicare con una "maschera" e di rimanere anonimo.. in parte.. permettendomi di parlare (se hai fortuna) con persone che hanno dei dubbi come te, o dei pensieri simili a tuoi... o magari sono semplicemente pazzo :D

    RispondiElimina

Posta un commento

Per cortesia, aggiungi solo commenti pertinenti. Se, invece, hai altri quesiti o vuoi contribuire al blog con un articolo sulla meditazione visita questa pagina.

Post popolari in questo blog

Com'è fresco il soffio del vento! - Thich Nhat Hanh

« Com'è fresco il soffio del vento!
La pace è ogni passo.
E fa gioioso il sentiero senza fine. »
(Thich Nhat Hanh, La pace è ogni passo)

Thich Nhat Hanh, monaco zen vietnamita, poeta e attivo sostenitore dei processi di pace, maestro di meditazione, è oggi insieme al Dalai Lama una delle figure più rappresentative del Buddhismo nel mondo. Nato in Vietnam centrale nel 1926, ordinato monaco all’età di 16 anni, ha interpretato e promosso, fin dalla giovinezza, il buddhismo quale strumento per portare pace, riconciliazione e fratellanza nella società.

Dialogo di Gandhi con un buddhista

Il dialogo che segue si svolse ad Abottabad tra Gandhi e il dr Fabri, un archeologo ungherese che, oltre ad essere autore di scoperte archeologiche, per molti anni lavoro' alle dipendenze del Dipartimento archeologico dell'India, collaborando alla riorganizzazione del museo di Lahore. "Scavando" in profondita' nella cultura buddhista era diventato razionalista. In precedenza aveva intrattenuto una corrispondenza epistolare con Gandhi, e aveva anche digiunato in solidarieta' con lui. Era venuto ad Abbottabad apposta per incontrare il Mahatma. In particolare, era interessato alla forma e al contenuto della preghiera e desiderava ardentemente sapere in che modo Gandhi pregasse.

Citazioni da alcune Upanishad: liberazione

La liberazione è la distruzione della schiavitù, che consiste nella sensazione di possedere personalmente gli oggetti, concepiti come fonte di piacere o dolore. Questa distruzione si ottiene distinguendo tra ciò che è imperituro e ciò che è transeunte in quest'universo effimero. (Niralambopanisad 31)