Passa ai contenuti principali

I cinque precetti buddisti

La pratica buddista richiede che si osservino i cinque precetti fondamentali come impegno minimo, per non far  del male a se stessi e agli altri con le parole e con le azioni. Questi precetti si recitano regolarmente per ricordarsi dell'impegno assunto. I precetti sono:


Mi impegno ad astenermi dall'uccidere e dal far del male agli esseri viventi.
Mi impegno ad astenermi dal rubare e dal prendere il non dato.
Mi impegno ad astenermi dal far danni con una condotta sessuale irresponsabile.
Mi impegno ad astenermi dal mentire, dall'offendere, dai pettegolezzi e dalle calunnie.
Mi impegno ad astenersi dall'abuso di sostanze inebrianti come l'alcol o droghe che causano negligenza e perdita di coscienza.

Il potere positivo della buona condotta è enorme. Quando non viviamo secondo i precetti, si dice che viviamo come bestie; senza di essi, tutte le altre pratiche spirituali sono una farsa. Immaginate di sedervi a cercare di meditare dopo un giorno passato a mentire e rubare... Poi immaginate come questo mondo sarebbe diverso se tutti osservassero anche un solo precetto di non uccidere, non mentire o non rubare. In verità creeremmo un nuovo ordine mondiale.

(Jack Kornfield, Una via con il cuore)


Possiamo vedere che tutti e cinque i precetti implicano l'antichissimo principio indiano dell'ahimsa: non nuocere agli altri né a te stesso. Lo si può estendere all'ambiente, al mondo nel suo insieme e perfino allo spazio infinito. Niente, in effetti, cade al di fuori della sfera della nostra responsabilità morale. Per esempio, secondo la scuola di filosofia buddista Huayen, che fiorì nella Cina medievale, ogni nostra azione influisce sull'universo intero. I gravi problemi ambientali che affrontiamo ora sul pianeta Terra provengono dall'ignoranza di questo fatto. Tuttavia, curiosamente, proprio mentre cominciamo a vedere che cosa stiamo combinando e quanta sofferenza ciò porterà a noi e ai nostri discendenti, troviamo molto difficile cambiare le nostre abitudini. Tutti sanno che sarebbe meglio se ci fossero meno automobili, ma nessuno vuole rinunciare alla sua!

(John Snelling)

- Da  Perle.Risveglio.net

Commenti

Post popolari in questo blog

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.

"La legge del Karma, spiegata ad un bambino" di Mohan

Padre e figlio stanno passeggiando nella foresta. A un certo punto il bambino inciampa e cade. Il forte dolore lo fa gridare: "Ahhhhh!". Con sua massima sorpresa, ode una voce tornare dalla montagna: "Ahhhhh!". Pieno di curiosità, grida: "Chi sei?" - ma l'unica risposta che riceve è: "Chi sei?". Questo lo fa arrabbiare, così grida: "Sei solo un codardo!" - e la voce risponde: "Sei solo un codardo!"

Ogni alba è un simbolo sacro

"Quando al mattino ti svegli, ringrazia il tuo Dio per la luce dell'aurora, per la vita che ti ha dato e per la forza che ritrovi nel tuo corpo. Ringrazia il tuo Dio anche per il cibo che ti dà e per la gioia della vita. Se non trovi un motivo per elevare una preghiera di ringraziamento, allora vuol dire che sei in errore" (Tecumseh, Shawnee).