Passa ai contenuti principali

Essere appagati è naturale

Pensieri sulla prosperità (Roy Eugene Davis)

Prosperare ed essere in salute è naturale, perché al livello dell’anima siamo già appagati. Quando siamo aperti al flusso di Dio nelle nostre vite, sperimentiamo facilmente chiarezza mentale, pace emotiva, benessere fisico, relazioni aperte e reale prosperità duratura.


Dio è la nostra luce interiore e la Realtà di Dio in noi ci assicura la salvezza (liberazione della Coscienza). Come possiamo temerlo? Ogni cosa in noi è “Dio che appare sotto forma di...”. Poiché Dio si esprime in noi, la Sua forza (il potere dell’universo) si sviluppa per sempre attraverso di noi. Abituatevi a vedere Dio in ogni condizione e lo vedrete ovunque. Abituatevi a riconoscere che tutto è contenuto nella Realtà di Dio. In questo modo, sarete ancorati nel bene infinito. La fede semplice è utile nei primi livelli della crescita spirituale. Fate in modo che la fede semplice vi sostenga, mentre indagate nel significato profondo della vita e sperimentate la realizzazione finale. Dio, il vostro supremo Sé, vi supporterà durante tutto il percorso.

- http://it.wikipedia.org/wiki/Roy_Eugene_Davis
- Center for Spiritual Awareness (pagina in italiano)
- Kriyayoga.it
- Tutti i libri di Roy Eugene Davis - macrolibrarsi
- Meditare in Dio - Roy Eugene Davis
- Chi è Roy Eugene Davis

Traduzione di Furio Sclano

Commenti

Post popolari in questo blog

Com'è fresco il soffio del vento! - Thich Nhat Hanh

« Com'è fresco il soffio del vento!
La pace è ogni passo.
E fa gioioso il sentiero senza fine. »
(Thich Nhat Hanh, La pace è ogni passo)

Thich Nhat Hanh, monaco zen vietnamita, poeta e attivo sostenitore dei processi di pace, maestro di meditazione, è oggi insieme al Dalai Lama una delle figure più rappresentative del Buddhismo nel mondo. Nato in Vietnam centrale nel 1926, ordinato monaco all’età di 16 anni, ha interpretato e promosso, fin dalla giovinezza, il buddhismo quale strumento per portare pace, riconciliazione e fratellanza nella società.

Dialogo di Gandhi con un buddhista

Il dialogo che segue si svolse ad Abottabad tra Gandhi e il dr Fabri, un archeologo ungherese che, oltre ad essere autore di scoperte archeologiche, per molti anni lavoro' alle dipendenze del Dipartimento archeologico dell'India, collaborando alla riorganizzazione del museo di Lahore. "Scavando" in profondita' nella cultura buddhista era diventato razionalista. In precedenza aveva intrattenuto una corrispondenza epistolare con Gandhi, e aveva anche digiunato in solidarieta' con lui. Era venuto ad Abbottabad apposta per incontrare il Mahatma. In particolare, era interessato alla forma e al contenuto della preghiera e desiderava ardentemente sapere in che modo Gandhi pregasse.

Contemplazione e Meditazione

Le parole "contemplazione" e "meditazione" talvolta hanno significato diametralmente opposto a seconda che compaiano in un contesto occidentale o orientale.