Passa ai contenuti principali

Il tafano

Un piccolo grande insegnamento.

Una volta, mentre stavo nella mia camera con una donna che mi diceva di trovarsi in una situazione difficile e che perciò voleva uccidersi, entrò improvvisamente un tafano. Tentando di uscire fuori, il tafano sbatté violentemente contro la finestra e cadde per terra stordito. Ma dopo un po' riprese il volo e continuò a scagliarsi ripetutamente contro lo stesso punto, sempre nel tentativo di volare via.
Mi venne allora in mente un episodio del maestro zen Fúgai, e lo raccontai alla donna.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Un giorno il maestro Fúgai, che abitava in un tempio ormai in rovina a Osaka, ricevette la visita di un uomo ricco, che cominciò a raccontargli i suoi problemi. A quel punto, un tafano volò improvvisamente nella stanza e iniziò a sbattere contro la finestra. Il maestro osservava attentamente il tafano, e sembrava non prestare ascolto al suo ospite. Il riccone, spazientito, disse con sarcasmo: «Mi pare che a lei piaccia moltissimo quel tafano». Al che il maestro rispose: «Scusate, ma mi fa troppa pena. Questo tempio, come è ben noto, è in sfacelo. Poiché ci sono buchi dappertutto, il tafano potrebbe uscire da qualsiasi parte. Ma si ostina a volare solo verso la fessura che ha scelto, e continua a sbattere la testa. Poverino: se continua così, finirà per morire. Eppure non è solo il tafano a farmi pena».

Shundô Aoyama, La voce del fiume, Fabbri Ed. 1983, pag.102

- La voce del fiume. Parabole e aforismi di saggezza zen

- BUDDHISMO & MEDITAZIONE -
- Buddhismo & Meditazione - Amazon

- MEDITAZIONE -
- Meditazione su Amazon.it
- Libri sulla meditazione - Mcrolibrarsi.it

- ZEN -
- Cultura Zen - macrolibrarsi.it
- Tutto Zen - amazon

- ZAFU -
- Cuscini per meditazione - macrolibrarsi.it
- Cuscini da meditazione 'Zafu' - amazon

Commenti

Post popolari in questo blog

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.

Il Sutra della Lampadina (satira buddhista)

I - Così l'ho sentito.

Una volta il Bhagavan si trovava a Rajagriha sul Poggio dell'Avvoltoio, accompagnato da una grande folla di bikkhu e di una grande folla di bodhisattva. Era tardi, e in quel momento, benché la notte fosse sul punto di calare, il Bhagavan stava concentrato su quella parte dei dharma chiamata Profonda Illuminazione che lo faceva brillare nella penombra.

"La legge del Karma, spiegata ad un bambino" di Mohan

Padre e figlio stanno passeggiando nella foresta. A un certo punto il bambino inciampa e cade. Il forte dolore lo fa gridare: "Ahhhhh!". Con sua massima sorpresa, ode una voce tornare dalla montagna: "Ahhhhh!". Pieno di curiosità, grida: "Chi sei?" - ma l'unica risposta che riceve è: "Chi sei?". Questo lo fa arrabbiare, così grida: "Sei solo un codardo!" - e la voce risponde: "Sei solo un codardo!"