Passa ai contenuti principali

Il suicidio di Valentina (poesia)

Oh Valentina, vestita di festa,
sembri una fata distesa tra i fiori,
sugli occhi due stelle, sul viso un sorriso,
un pallido raggio tra i riccioli d'oro.

Oh Valentina, l'avessi saputo
che con l'anima ai denti cercavi un lavoro,
infondevi coraggio, aiutavi chiunque,
ma non avevi nemmeno un po' di calore.

Oh Valentina, un rapido volo
nel buio, di notte, per superare l'orrore.
Ci hai lasciato da soli, ma la tua sorte ora echeggia
tra gli alti colli che tremano per il nostro livore.


Per una volta tanto ho scritto una poesia mirata. Mentre in genere non mi prefiggo nulla, stavolta ho tentato di centrare un obiettivo, ossia suscitare una reazione – beninteso artistica, emotiva – per celebrare una straordinaria caduta, suo malgrado martire dell'incoscienza politica. Il personaggio è esistito davvero. Il nome l'ho cambiato per rispetto. Che la sua anima, vittima del barbaro egoismo di pochi gretti e insulsi arraffatutto, gioisca della propria ritrovata libertà.

E voi, spiriti eletti che animate quest'etere,
restituite gli avidi esseri responsabili di cotanto dolore
al torrido dominio donde cui provengono.

(copyleft - nick.salius, blogger di meditare.it)

Commenti

Post popolari in questo blog

Com'è fresco il soffio del vento! - Thich Nhat Hanh

« Com'è fresco il soffio del vento!
La pace è ogni passo.
E fa gioioso il sentiero senza fine. »
(Thich Nhat Hanh, La pace è ogni passo)

Thich Nhat Hanh, monaco zen vietnamita, poeta e attivo sostenitore dei processi di pace, maestro di meditazione, è oggi insieme al Dalai Lama una delle figure più rappresentative del Buddhismo nel mondo. Nato in Vietnam centrale nel 1926, ordinato monaco all’età di 16 anni, ha interpretato e promosso, fin dalla giovinezza, il buddhismo quale strumento per portare pace, riconciliazione e fratellanza nella società.

Dialogo di Gandhi con un buddhista

Il dialogo che segue si svolse ad Abottabad tra Gandhi e il dr Fabri, un archeologo ungherese che, oltre ad essere autore di scoperte archeologiche, per molti anni lavoro' alle dipendenze del Dipartimento archeologico dell'India, collaborando alla riorganizzazione del museo di Lahore. "Scavando" in profondita' nella cultura buddhista era diventato razionalista. In precedenza aveva intrattenuto una corrispondenza epistolare con Gandhi, e aveva anche digiunato in solidarieta' con lui. Era venuto ad Abbottabad apposta per incontrare il Mahatma. In particolare, era interessato alla forma e al contenuto della preghiera e desiderava ardentemente sapere in che modo Gandhi pregasse.

Contemplazione e Meditazione

Le parole "contemplazione" e "meditazione" talvolta hanno significato diametralmente opposto a seconda che compaiano in un contesto occidentale o orientale.