Passa ai contenuti principali

Che significa essere svegli? - Aivanhov

"Dalla mattina alla sera gli esseri umani si dedicano alle loro occupazioni; sembrano svegli, ma in realtà i più non fanno che dormire. Attraversano la vita con gli occhi chiusi, calpestando il santuario della natura. Non sentono intorno a sé la presenza invisibile di altre creature vive e intelligenti e di altre forze che circolano, ma si limitano a ciò che è immediatamente accessibile ai loro cinque sensi.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Essere svegli significa prendere coscienza di tutte le esistenze che popolano lo spazio e rimanere in contatto con esse. Per stabilire questo contatto occorre iniziare ponendosi in uno stato di armonia, di purezza e di luce. E sono proprio queste le condizioni che avete al mattino quando andate ad assistere al sorgere del sole. Allora, lungo la strada che percorrete, pensate a tutti gli esseri invisibili che vi circondano. È grazie a loro se la natura è viva e ci offre tutto quello che possiede. Rivolgetevi a quegli esseri e dite loro: «O voi, amabili figli della terra, dell'acqua, dell'aria e del fuoco... voi, gnomi, ondine, silfi e salamandre... vi amo, siate ringraziati e benedetti per il vostro lavoro»."

(Omraam Mikhael Aivanhov)

- Aivanhov su macrolibrarsi
- Aivanhov su Amazon.it
- Aivanhov su Wikipedia
- Prosveta pubblica le opere d'Aivanhov

Commenti

Post popolari in questo blog

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.

Il Sutra della Lampadina (satira buddhista)

I - Così l'ho sentito.

Una volta il Bhagavan si trovava a Rajagriha sul Poggio dell'Avvoltoio, accompagnato da una grande folla di bikkhu e di una grande folla di bodhisattva. Era tardi, e in quel momento, benché la notte fosse sul punto di calare, il Bhagavan stava concentrato su quella parte dei dharma chiamata Profonda Illuminazione che lo faceva brillare nella penombra.

"La legge del Karma, spiegata ad un bambino" di Mohan

Padre e figlio stanno passeggiando nella foresta. A un certo punto il bambino inciampa e cade. Il forte dolore lo fa gridare: "Ahhhhh!". Con sua massima sorpresa, ode una voce tornare dalla montagna: "Ahhhhh!". Pieno di curiosità, grida: "Chi sei?" - ma l'unica risposta che riceve è: "Chi sei?". Questo lo fa arrabbiare, così grida: "Sei solo un codardo!" - e la voce risponde: "Sei solo un codardo!"