Passa ai contenuti principali

Perle di saggezza: il Dalai Lama ci parla

“Anche fra i tibetani troviamo studiosi che hanno la sensazione che la scienza e la religione siano così lontane che difficilmente l’una avrebbe qualcosa da insegnare all’altra. Essi respingono la scienza come irrilevante – l’esatto opposto di ciò che accade in Occidente, dove alcuni respingono invece la religione. Propongo di sostituire la parola religione con il termine religiosità, perché ciò che è in gioco qui non è una dottrina specifica, ma l’esperienza più generale di una qualsiasi religione.”
(Dalai Lama, Nuove Immagini dell’Universo, Raffaello Cortina Editore)

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

La cultura spirituale trascende le razze, le frontiere nazionali e anche il tempo. La cultura materiale, per quanto originale possa essere, non è un valore durevole. Lo è invece la cultura spirituale. E la cultura spirituale è in gran parte rappresentata da ciò che succede nella mente e che si traduce nell’affetto, nella bontà e nel rispetto del prossimo.”
(Claude B. Stevenson, Così parla il Dalai Lama, Ed. Lindau, To)

“Io ritengo che il potere vero dipenda dal rispetto che gli altri mostrano nei tuoi confronti. Ha a che vedere con la capacità di influire sul cuore e sulla mente degli altri. Il Mahatma Gandhi, per esempio, aveva un potere vero, che tuttavia non era fondato sulla quantità di denaro che aveva. Il potere fondato sulla ricchezza è artificiale, tocca la superficie, non dura. Rispettano i tuoi soldi ma non te, e se perdi i soldi, potere e rispetto svaniscono. E’ come il potere di chi impugna una pistola: appena la posa, a quella persona non viene più riconosciuto alcun potere, né mostrato alcun rispetto.”
(Dalai Lama, L’arte della felicità sul lavoro, Oscar Mondadori)

Da una newsletter dell'istituto Lama Tzong Khapa di Pomaia

Commenti

Post popolari in questo blog

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.

Il Sutra della Lampadina (satira buddhista)

I - Così l'ho sentito.

Una volta il Bhagavan si trovava a Rajagriha sul Poggio dell'Avvoltoio, accompagnato da una grande folla di bikkhu e di una grande folla di bodhisattva. Era tardi, e in quel momento, benché la notte fosse sul punto di calare, il Bhagavan stava concentrato su quella parte dei dharma chiamata Profonda Illuminazione che lo faceva brillare nella penombra.

"La legge del Karma, spiegata ad un bambino" di Mohan

Padre e figlio stanno passeggiando nella foresta. A un certo punto il bambino inciampa e cade. Il forte dolore lo fa gridare: "Ahhhhh!". Con sua massima sorpresa, ode una voce tornare dalla montagna: "Ahhhhh!". Pieno di curiosità, grida: "Chi sei?" - ma l'unica risposta che riceve è: "Chi sei?". Questo lo fa arrabbiare, così grida: "Sei solo un codardo!" - e la voce risponde: "Sei solo un codardo!"