Passa ai contenuti principali

Haiku

Haiku, componimento poetico giapponese che consta di diciassette sillabe distribuite in tre gruppi di cinque, sette e cinque sillabe. Nacque come invito all'ironia e aveva intenti comico-satirici, ma nel XVII secolo, Basho pose fine a questa tendenza destinando i versi a espressioni tipicamente liriche». La forma haiku è dunque una rigorosa interpretazione del soggetto pensante che, affidandosi alla rapidità del frammento - o alla frammentazione della rapidità espressiva - racchiude in un esiguo spazio di qualche immagine una impressione, un sobbalzo del cuore, un'aritmia. L'haiku ha avuto anche da noi, nei più recenti decenni, qualche lodevole applicazione, ma ha perduto però l'incanto che i poeti originali giapponesi avevano affidato ai loro graziosi e squisiti «improvvisi».

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Altre notizie

Le regole dell'haiku sono semplici: tre soli versi, rispettivamente di 5, 7 e 5 sillabe. La poesia dovrebbe inoltre contenere un riferimento al «tempo» in cui è stata composta (kigo), ossia alla stagione, o all'ora del giorno, ecc. e dovrebbe implicare anche, l'ossequio ad alcuni canoni estetici, il più importante dei quali è il concetto di sabi o wabi, che si riferisce a un sentimento di malinconia o nostalgia misurata e quieta. Per la scuola di Basho è importante anche il concetto di karumi, leggerezza, che invita a usare parole semplici e prive di retorica.

Per inciso, haiku, detto anche hokku, deriva da haikai, che significa comico, buffo. Haikai no renga, poesie comiche a catena, era un genere molto diffuso in Giappone proprio ai tempi di Basho.

http://it.wikipedia.org/wiki/Haiku
- Haiku - Amazon

Commenti

Post popolari in questo blog

Com'è fresco il soffio del vento! - Thich Nhat Hanh

« Com'è fresco il soffio del vento!
La pace è ogni passo.
E fa gioioso il sentiero senza fine. »
(Thich Nhat Hanh, La pace è ogni passo)

Thich Nhat Hanh, monaco zen vietnamita, poeta e attivo sostenitore dei processi di pace, maestro di meditazione, è oggi insieme al Dalai Lama una delle figure più rappresentative del Buddhismo nel mondo. Nato in Vietnam centrale nel 1926, ordinato monaco all’età di 16 anni, ha interpretato e promosso, fin dalla giovinezza, il buddhismo quale strumento per portare pace, riconciliazione e fratellanza nella società.

Dialogo di Gandhi con un buddhista

Il dialogo che segue si svolse ad Abottabad tra Gandhi e il dr Fabri, un archeologo ungherese che, oltre ad essere autore di scoperte archeologiche, per molti anni lavoro' alle dipendenze del Dipartimento archeologico dell'India, collaborando alla riorganizzazione del museo di Lahore. "Scavando" in profondita' nella cultura buddhista era diventato razionalista. In precedenza aveva intrattenuto una corrispondenza epistolare con Gandhi, e aveva anche digiunato in solidarieta' con lui. Era venuto ad Abbottabad apposta per incontrare il Mahatma. In particolare, era interessato alla forma e al contenuto della preghiera e desiderava ardentemente sapere in che modo Gandhi pregasse.

Contemplazione e Meditazione

Le parole "contemplazione" e "meditazione" talvolta hanno significato diametralmente opposto a seconda che compaiano in un contesto occidentale o orientale.