Passa ai contenuti principali

Haiku

Haiku, componimento poetico giapponese che consta di diciassette sillabe distribuite in tre gruppi di cinque, sette e cinque sillabe. Nacque come invito all'ironia e aveva intenti comico-satirici, ma nel XVII secolo, Basho pose fine a questa tendenza destinando i versi a espressioni tipicamente liriche». La forma haiku è dunque una rigorosa interpretazione del soggetto pensante che, affidandosi alla rapidità del frammento - o alla frammentazione della rapidità espressiva - racchiude in un esiguo spazio di qualche immagine una impressione, un sobbalzo del cuore, un'aritmia. L'haiku ha avuto anche da noi, nei più recenti decenni, qualche lodevole applicazione, ma ha perduto però l'incanto che i poeti originali giapponesi avevano affidato ai loro graziosi e squisiti «improvvisi».

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Altre notizie

Le regole dell'haiku sono semplici: tre soli versi, rispettivamente di 5, 7 e 5 sillabe. La poesia dovrebbe inoltre contenere un riferimento al «tempo» in cui è stata composta (kigo), ossia alla stagione, o all'ora del giorno, ecc. e dovrebbe implicare anche, l'ossequio ad alcuni canoni estetici, il più importante dei quali è il concetto di sabi o wabi, che si riferisce a un sentimento di malinconia o nostalgia misurata e quieta. Per la scuola di Basho è importante anche il concetto di karumi, leggerezza, che invita a usare parole semplici e prive di retorica.

Per inciso, haiku, detto anche hokku, deriva da haikai, che significa comico, buffo. Haikai no renga, poesie comiche a catena, era un genere molto diffuso in Giappone proprio ai tempi di Basho.

http://it.wikipedia.org/wiki/Haiku
- Haiku - Amazon

Commenti

Post popolari in questo blog

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.

"La legge del Karma, spiegata ad un bambino" di Mohan

Padre e figlio stanno passeggiando nella foresta. A un certo punto il bambino inciampa e cade. Il forte dolore lo fa gridare: "Ahhhhh!". Con sua massima sorpresa, ode una voce tornare dalla montagna: "Ahhhhh!". Pieno di curiosità, grida: "Chi sei?" - ma l'unica risposta che riceve è: "Chi sei?". Questo lo fa arrabbiare, così grida: "Sei solo un codardo!" - e la voce risponde: "Sei solo un codardo!"

Ogni alba è un simbolo sacro

"Quando al mattino ti svegli, ringrazia il tuo Dio per la luce dell'aurora, per la vita che ti ha dato e per la forza che ritrovi nel tuo corpo. Ringrazia il tuo Dio anche per il cibo che ti dà e per la gioia della vita. Se non trovi un motivo per elevare una preghiera di ringraziamento, allora vuol dire che sei in errore" (Tecumseh, Shawnee).