Passa ai contenuti principali

C'era una volta un'isola

E' una storiella semplice semplice ma anche carica di una grande verità.

C'era una volta un'isola dove vivevano tutti i diversi sentimenti.

Il Buonumore, la Tristezza, il Sapere, così come tutti gli altri, incluso l'Amore. Un giorno venne annunciato ai sentimenti che l'isola stava per sprofondare. Allora prepararono tutte le loro navi e partirono. Solo l'Amore volle restare fino all'ultimo momento. Quando l'isola fu sul punto di sprofondare, l'Amore decise di chiedere aiuto.


La Ricchezza passò a fianco dell'Amore su una barca lussuosissima. L'Amore le disse: ricchezza mi puoi portare con te?

Non posso perché c'è molto oro e argento sulla mia barca. Non ho posto per te!

L'Amore allora decise di chiedere all'orgoglio, che stava passando su di un magnifico vascello.

Orgoglio aiutami, ti prego....

Non ti posso aiutare, Amore, qui è tutto perfetto sulla mia nave e potresti rovinarmela.

Allora l'Amore chiede alla Tristezza che passava a fianco a lui:

- Tristezza lasciami venire con te!

- Ohhh Amore, sono così triste che ho bisogno di stare sola!

Anche il Buonumore passò a fianco dell'Amore, ma era così contento che non sentì che l'Amore lo stava chiamando.

All'improvviso una voce disse:

Vieni Amore, ti prendo con me!

Era un vecchio che aveva parlato. L'Amore si sentì così riconoscente e pieno di gioia che dimenticò di chiedere il nome al vecchio. Quando arrivarono sulla terraferma, il vecchio se ne andò. L'Amore si rese conto di quanto gli dovesse e domandò al Sapere:

Chi mi ha aiutato?

E' stato il Tempo, rispose il Sapere.

Il Tempo? - s'interrogò l'Amore - perché il Tempo mi ha aiutato?

Il Sapere pieno di saggezza rispose:

Perché solo il Tempo è capace di comprendere quanto l'Amore sia importante nella vita .

(Anonimo)

Commento:
Attenzione perché il racconto potrebbe prestarsi a equivoci. L'attesa non implica necessariamente rinuncia. Dare tempo al tempo non significa che si debba pazientare o temporeggiare sempre e comunque in attesa che un presunto fato benigno riveli le sue vere intenzioni. La natura del tempo è relativa. Un conto è attendere che una determinata situazione maturi, ben altro la trascuratezza del lassismo che si può fronteggiare solo con la volontà costante esercitata – stavolta si – gradualmente, quindi nel tempo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Com'è fresco il soffio del vento! - Thich Nhat Hanh

« Com'è fresco il soffio del vento!
La pace è ogni passo.
E fa gioioso il sentiero senza fine. »
(Thich Nhat Hanh, La pace è ogni passo)

Thich Nhat Hanh, monaco zen vietnamita, poeta e attivo sostenitore dei processi di pace, maestro di meditazione, è oggi insieme al Dalai Lama una delle figure più rappresentative del Buddhismo nel mondo. Nato in Vietnam centrale nel 1926, ordinato monaco all’età di 16 anni, ha interpretato e promosso, fin dalla giovinezza, il buddhismo quale strumento per portare pace, riconciliazione e fratellanza nella società.

Dialogo di Gandhi con un buddhista

Il dialogo che segue si svolse ad Abottabad tra Gandhi e il dr Fabri, un archeologo ungherese che, oltre ad essere autore di scoperte archeologiche, per molti anni lavoro' alle dipendenze del Dipartimento archeologico dell'India, collaborando alla riorganizzazione del museo di Lahore. "Scavando" in profondita' nella cultura buddhista era diventato razionalista. In precedenza aveva intrattenuto una corrispondenza epistolare con Gandhi, e aveva anche digiunato in solidarieta' con lui. Era venuto ad Abbottabad apposta per incontrare il Mahatma. In particolare, era interessato alla forma e al contenuto della preghiera e desiderava ardentemente sapere in che modo Gandhi pregasse.

Citazioni da alcune Upanishad: liberazione

La liberazione è la distruzione della schiavitù, che consiste nella sensazione di possedere personalmente gli oggetti, concepiti come fonte di piacere o dolore. Questa distruzione si ottiene distinguendo tra ciò che è imperituro e ciò che è transeunte in quest'universo effimero. (Niralambopanisad 31)