Passa ai contenuti principali

Bhagavad Gita

Bhagavad Gita - "Il glorioso canto celeste del Signore". Un testo sacro fondamentale che descrive l'insegnamento di Sri Krishna al suo discepolo Arjuna. Sri Krishna rappresenta la Coscienza Suprema e Arjuna rappresenta l'anima che cerca.


La Bhagavad-ghita è considerato uno dei testi rivelati più antichi. Infatti la sua compilazione risale a circa cinquemila anni fa' per mano del saggio Vedavyasa, compilatore di tutti i Veda (scritture sacre dell`antica India). In realtà la conoscenza contenuta nella Bhagavad-ghita è da considerarsi talmente antica e universale da non poter essere datata storicamente. La Bhagavad-ghita è uno dei capitoli contenuti all`interno del più ampio poema storico intitolato "Mahabharata" definito anche il quinto Veda, dove Krishna stesso istruisce Arjuna sulla natura dell`anima, dell`azione (karma), dei differenti tipi di yoga (unione con l`assoluto) e dei tre fondamentali aspetti dell`Assoluto: Brahman (spirito onnipervadente che tutto contiene), Paramatma (aspetto atomico e localizzato in ogni essere) e Bhagavan (aspetto personale).

I grandi filosofi della metafisica occidentale attinsero a piene mani da questa fonte e da tutta la letteratura vedica. Kant affermò: "Questo poema esige il più alto rispetto", Schopenhauer dichiarò: "Si tratta dell`opera più istruttiva e sublime che esista al mondo…" o ancora Hegel scrisse: "Con la Bhagavad-ghita possiamo avere una chiara idea di quella che è la più praticata, ma anche la più elevata di tutte le religioni dell`India".

- Meditazione nel web » Risorse » Indice generale della Bhagavad Gita

Commenti

Post popolari in questo blog

Com'è fresco il soffio del vento! - Thich Nhat Hanh

« Com'è fresco il soffio del vento!
La pace è ogni passo.
E fa gioioso il sentiero senza fine. »
(Thich Nhat Hanh, La pace è ogni passo)

Thich Nhat Hanh, monaco zen vietnamita, poeta e attivo sostenitore dei processi di pace, maestro di meditazione, è oggi insieme al Dalai Lama una delle figure più rappresentative del Buddhismo nel mondo. Nato in Vietnam centrale nel 1926, ordinato monaco all’età di 16 anni, ha interpretato e promosso, fin dalla giovinezza, il buddhismo quale strumento per portare pace, riconciliazione e fratellanza nella società.

Dialogo di Gandhi con un buddhista

Il dialogo che segue si svolse ad Abottabad tra Gandhi e il dr Fabri, un archeologo ungherese che, oltre ad essere autore di scoperte archeologiche, per molti anni lavoro' alle dipendenze del Dipartimento archeologico dell'India, collaborando alla riorganizzazione del museo di Lahore. "Scavando" in profondita' nella cultura buddhista era diventato razionalista. In precedenza aveva intrattenuto una corrispondenza epistolare con Gandhi, e aveva anche digiunato in solidarieta' con lui. Era venuto ad Abbottabad apposta per incontrare il Mahatma. In particolare, era interessato alla forma e al contenuto della preghiera e desiderava ardentemente sapere in che modo Gandhi pregasse.

Contemplazione e Meditazione

Le parole "contemplazione" e "meditazione" talvolta hanno significato diametralmente opposto a seconda che compaiano in un contesto occidentale o orientale.