Passa ai contenuti principali

Resurrezione - Aivanhov

"La resurrezione altro non è che una corrente di vita che attraversa regioni nelle quali, fisicamente o psichicamente, la malattia e la morte avevano iniziato la propria opera. Quanti fenomeni della natura possono darci un’idea di tale processo! Non solo il germoglio che spunta dal seme, ma anche il pulcino che esce dall’uovo, certi animali che si risvegliano dal loro sonno invernale, o la crisalide che si trasforma in farfalla, sono tutte immagini della resurrezione.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

E gli alberi?... Anch'essi resuscitano a primavera, con tutti quei rami neri e spogli che si coprono di foglie e di fiori: ecco ancora una resurrezione. E perché resuscitano? Perché non sono morti, perché la vita è sempre presente. Tutti questi fenomeni della natura hanno la loro corrispondenza nell’uomo. Fisicamente, psichicamente, ogni giorno l’uomo “muore” e resuscita. Quando in lui la vita si indebolisce, egli muore; quando essa torna da lui, egli resuscita. È come se un nuovo sangue circolasse nelle sue vene. È soltanto la vita, la vita divina, che ci resuscita, e occorre lavorare per ottenere quella vita."

(Omraam Mikhael Aivanhov)

- Aivanhov su macrolibrarsi
- Aivanhov su Amazon.it
- Aivanhov su Wikipedia
- Prosveta pubblica le opere d'Aivanhov

Commenti

Post popolari in questo blog

Com'è fresco il soffio del vento! - Thich Nhat Hanh

« Com'è fresco il soffio del vento!
La pace è ogni passo.
E fa gioioso il sentiero senza fine. »
(Thich Nhat Hanh, La pace è ogni passo)

Thich Nhat Hanh, monaco zen vietnamita, poeta e attivo sostenitore dei processi di pace, maestro di meditazione, è oggi insieme al Dalai Lama una delle figure più rappresentative del Buddhismo nel mondo. Nato in Vietnam centrale nel 1926, ordinato monaco all’età di 16 anni, ha interpretato e promosso, fin dalla giovinezza, il buddhismo quale strumento per portare pace, riconciliazione e fratellanza nella società.

Dialogo di Gandhi con un buddhista

Il dialogo che segue si svolse ad Abottabad tra Gandhi e il dr Fabri, un archeologo ungherese che, oltre ad essere autore di scoperte archeologiche, per molti anni lavoro' alle dipendenze del Dipartimento archeologico dell'India, collaborando alla riorganizzazione del museo di Lahore. "Scavando" in profondita' nella cultura buddhista era diventato razionalista. In precedenza aveva intrattenuto una corrispondenza epistolare con Gandhi, e aveva anche digiunato in solidarieta' con lui. Era venuto ad Abbottabad apposta per incontrare il Mahatma. In particolare, era interessato alla forma e al contenuto della preghiera e desiderava ardentemente sapere in che modo Gandhi pregasse.

Contemplazione e Meditazione

Le parole "contemplazione" e "meditazione" talvolta hanno significato diametralmente opposto a seconda che compaiano in un contesto occidentale o orientale.