Passa ai contenuti principali

Il Vangelo secondo la Scienza

Le religioni rivelate e la filosofia da una parte e le scienze dall'altra hanno sempre cercato di rispondere alle stesse domande: Dio, la nascita e la fine del cosmo, l'infinito, il senso della presenza dell'uomo sulla Terra. La contrapposizione di fede e ragione, che nell'Ottocento pareva inconciliabile, grazie alle acquisizioni della fisica del Novecento ha lasciato il posto a un dialogo che ammette molti punti di convergenza, tanto da arrivare alla connessione tra matematica e teologia attraverso la teoria dell'infinito.

 Immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Il matematico Piergiorgio Odifreddi sottopone il pensiero religioso d'Occidente e d'Oriente al vaglio degli ultimi sviluppi delle scienze esatte (dalle prove dell'esistenza di Dio all'eternità dell'universo, ai concetti di Infinito e di Nulla), arrivando a scoprire che le più recenti teorie cosmologiche sembrano dar ragione alle antiche mitologie. E se non tutti i cosmologi accettano l'idea che l'universo abbia avuto un'origine, i sistemi religiosi più profondi, come il buddhismo, ne postulano l'eternità. Per la fisica moderna il vuoto e il nulla sono la naturale culla dell'esistenza; e scienziati come Bohr, Bohm e Schrodinger hanno dimostrato che l'esperienza matematica si sviluppa come quella mistica, attraverso i tre momenti della concentrazione, della meditazione e dell'illuminazione. La vera realtà è dunque la coscienza, e anche gli esperimenti piú oggettivi sono osservazioni introspettive. Se la teoria degli insiemi rappresenta il punto di arrivo matematico della discussione sull'infinito, inversamente la ricerca del Buddha si basa su una fenomenologia scientifica, e le concezioni della moderna scienza occidentale erano già note agli induisti. Con una conclusione: se nella matematica risiede la spiegazione ultima delle cose, la vera religione è matematica, e il resto è superstizione.

(Da un breve commento al libro di «Piergiorgio Odifreddi, "Il Vangelo secondo la Scienza", Le religioni alla prova del nove, Einaudi» che si trova sul sito http://www.einaudi.it)

- Il Vangelo secondo la scienza. Le religioni alla prova del nove - Piergiorgio Odifreddi - Amazon

Commenti

Post popolari in questo blog

Com'è fresco il soffio del vento! - Thich Nhat Hanh

« Com'è fresco il soffio del vento!
La pace è ogni passo.
E fa gioioso il sentiero senza fine. »
(Thich Nhat Hanh, La pace è ogni passo)

Thich Nhat Hanh, monaco zen vietnamita, poeta e attivo sostenitore dei processi di pace, maestro di meditazione, è oggi insieme al Dalai Lama una delle figure più rappresentative del Buddhismo nel mondo. Nato in Vietnam centrale nel 1926, ordinato monaco all’età di 16 anni, ha interpretato e promosso, fin dalla giovinezza, il buddhismo quale strumento per portare pace, riconciliazione e fratellanza nella società.

Dialogo di Gandhi con un buddhista

Il dialogo che segue si svolse ad Abottabad tra Gandhi e il dr Fabri, un archeologo ungherese che, oltre ad essere autore di scoperte archeologiche, per molti anni lavoro' alle dipendenze del Dipartimento archeologico dell'India, collaborando alla riorganizzazione del museo di Lahore. "Scavando" in profondita' nella cultura buddhista era diventato razionalista. In precedenza aveva intrattenuto una corrispondenza epistolare con Gandhi, e aveva anche digiunato in solidarieta' con lui. Era venuto ad Abbottabad apposta per incontrare il Mahatma. In particolare, era interessato alla forma e al contenuto della preghiera e desiderava ardentemente sapere in che modo Gandhi pregasse.

Contemplazione e Meditazione

Le parole "contemplazione" e "meditazione" talvolta hanno significato diametralmente opposto a seconda che compaiano in un contesto occidentale o orientale.