Passa ai contenuti principali

"Il karma non è un destino fisso" - Jon Kabat-Zinn

Spesso, sbagliando, si confonde il karma con la nozione di un destino fisso, ma è più simile a un'accumulazione di tendenze che possono bloccarci in particolari modelli di comportamento, che a loro volta danno luogo a ulteriori accumulazioni di tendenze di natura simile: non è obbligatorio essere prigionieri del vecchio karma. Questo è il modo in cui la consapevolezza cambia il karma: quando stai seduto, non permetti che i tuoi impulsi si traducano in azione. Almeno per quel momento li stai solo guardando.

Business woman meditating


Guardandoli, ti accorgi presto che tutti gli impulsi si presentano alla mente e passano via, che non hanno una vita propria, che non sono te, ma solo pensieri e che non devi per forza esserne condizionato. Non alimentando gli impulsi e non reagendo ad essi, arrivi a comprendere direttamente la loro natura di pensieri. Questo processo brucia realmente gli impulsi distruttivi nel fuoco della concentrazione, dell'equanimità e del non-fare. Nello stesso tempo, i pensieri e gli impulsi creativi non sono più spintonati via da quelli più turbolenti e distruttivi, ma sono invece nutriti nella misura in cui sono percepiti e conservati nella consapevolezza.

Jon Kabat-Zinn - Dovunque tu vada, ci sei già. Una guida alla meditazione - Tea pratica

Quando siamo presi dal vortice degli impegni, quando abbiamo la sensazione di non essere padroni di noi stessi e non riusciamo più a goderci le cose belle della vita, allora è il momento di fermarsi un istante e riconquistare quell’unico momento della nostra esistenza di cui disponiamo per vivere, crescere, sentire, amare, gioire: il presente.

Commenti

Post popolari in questo blog

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.

Il Sutra della Lampadina (satira buddhista)

I - Così l'ho sentito.

Una volta il Bhagavan si trovava a Rajagriha sul Poggio dell'Avvoltoio, accompagnato da una grande folla di bikkhu e di una grande folla di bodhisattva. Era tardi, e in quel momento, benché la notte fosse sul punto di calare, il Bhagavan stava concentrato su quella parte dei dharma chiamata Profonda Illuminazione che lo faceva brillare nella penombra.

"La legge del Karma, spiegata ad un bambino" di Mohan

Padre e figlio stanno passeggiando nella foresta. A un certo punto il bambino inciampa e cade. Il forte dolore lo fa gridare: "Ahhhhh!". Con sua massima sorpresa, ode una voce tornare dalla montagna: "Ahhhhh!". Pieno di curiosità, grida: "Chi sei?" - ma l'unica risposta che riceve è: "Chi sei?". Questo lo fa arrabbiare, così grida: "Sei solo un codardo!" - e la voce risponde: "Sei solo un codardo!"