Passa ai contenuti principali

La povertà e' illegale

Sottotitolo, anche se questo è un sito che si occupa abitualmente di meditazione e non di politica: "L'urlo della violenza politica , l'opinione di un indignato pacifico".

La violenza è una piaga e, se possibile, è sempre da rigettare. Quando sussistono problemi impellenti e vitali bisogna percorrere, innanzitutto, le vie meno cruente; e solo in ultima istanza, quando la controparte si dimostra irrimediabilmente sorda, lasciare che il proprio istinto di sopravvivenza segua il suo corso. Ma a questo punto sorge l'ineluttabile domanda: chi è più violento?

E' più violento il tuo aguzzino, barbaro e pagano, che – in senso lato – ti affama sistematicamente, nonché ti costringe all'inedia nel modo più gretto, vile e disumano possibile; o sei più violento tu che ti appigli a ciò che ti sembra l'ultima ancora di salvezza plausibile? E' più violento quell'amministratore che in barba al benché minimo senso etico è dedito a perorare i suoi esclusivi interessi, a soddisfare le sue più intime voglie; o sono più violenti i ragazzi derubati anzitempo dell'unico bene che già possiedono, il loro futuro? O sono più violenti quei disoccupati che protestano, disperati e senza scelta, nell'oramai vana illusione che quel briciolo d'umanità residua di chi detiene immeritatamente il potere li ascolti e li soccorra? O sono più violenti i precari, sfruttati, malpagati, come se non bastasse, per giunta, derisi, che anelano a condizioni e retribuzioni più congrue?

La risposta è semplice. I responsabili di cotanto immorale e disgustoso scempio non sono le forze di polizia che tentano di mantenere giustamente l'ordine, ma hanno nome e cognome. Riconoscerli è molto semplice. Sono quelle entità subumane abbarbicate disgustosamente al potere. Ciò che li smaschera è proprio l'incredibile ostinazione con cui si aggrappano a ruoli del tutto transitori che hanno conquistato con la menzogna e l'inganno e che dunque non meritano. Denunciamoli dovunque a chiare lettere con un'insistenza così parossistica che li faccia vergognare d'esistere.

Dio voglia che si pentano e comprendano che il primo crimine è commesso sempre da tutti quelli che sono causa, diretta o indiretta, di povertà; da chi evade, ad esempio, le tasse, come da coloro che si attribuiscono emolumenti del tutto sproporzionati. Ladri nel sonno della coscienza, nella notte della consapevolezza, nel più assoluto buio dell'animo; esseri infernali privi di compassione e che godono e si nutrono dell'altrui sofferenza.

(Note: "La povertà è illegale" è una frase di Don Gallo)

Commenti

Post popolari in questo blog

Com'è fresco il soffio del vento! - Thich Nhat Hanh

« Com'è fresco il soffio del vento!
La pace è ogni passo.
E fa gioioso il sentiero senza fine. »
(Thich Nhat Hanh, La pace è ogni passo)

Thich Nhat Hanh, monaco zen vietnamita, poeta e attivo sostenitore dei processi di pace, maestro di meditazione, è oggi insieme al Dalai Lama una delle figure più rappresentative del Buddhismo nel mondo. Nato in Vietnam centrale nel 1926, ordinato monaco all’età di 16 anni, ha interpretato e promosso, fin dalla giovinezza, il buddhismo quale strumento per portare pace, riconciliazione e fratellanza nella società.

Dialogo di Gandhi con un buddhista

Il dialogo che segue si svolse ad Abottabad tra Gandhi e il dr Fabri, un archeologo ungherese che, oltre ad essere autore di scoperte archeologiche, per molti anni lavoro' alle dipendenze del Dipartimento archeologico dell'India, collaborando alla riorganizzazione del museo di Lahore. "Scavando" in profondita' nella cultura buddhista era diventato razionalista. In precedenza aveva intrattenuto una corrispondenza epistolare con Gandhi, e aveva anche digiunato in solidarieta' con lui. Era venuto ad Abbottabad apposta per incontrare il Mahatma. In particolare, era interessato alla forma e al contenuto della preghiera e desiderava ardentemente sapere in che modo Gandhi pregasse.

Contemplazione e Meditazione

Le parole "contemplazione" e "meditazione" talvolta hanno significato diametralmente opposto a seconda che compaiano in un contesto occidentale o orientale.