Passa ai contenuti principali

La via per la felicità (Anguttara Nikaya)

Una volta, due vecchissimi brahmani, entrambi di 120 anni, andarono a trovare il Buddha. Gli si sedettero di fronte e dissero: «Siamo brahmani, vecchi e fragili. Non abbiamo fatto nulla di particolarmente bello, buono o meritevole nella vita, perciò ora non c'è nulla che ci aiuti a ridurre la paura della morte. Per favore, mostraci la via per la felicità».

 Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen - buddhismo

Il Buddha rispose: «È vero, brahmani, siete invero vecchi, fragili e pieni di paura. Questo mondo è sommerso dalla vecchiaia, dalla malattia e dalla morte. Ma se riuscirete a praticare un po' di introspezione nelle vostre azioni, un po' di controllo sulle vostre parole e un po' di osservazione dei vostri pensieri, ciò sarà per voi un rifugio e un riparo. La vostra vita è quasi alla fine. Nessuno è immune dalla vecchiaia dalla malattia e dalla morte. Ricordandovi della morte e tenendola ben presente, mettete in pratica buone azioni, che apportino felicità agli altri. Chi fa buone azioni e sta attento, diverrà armonioso nel corpo, nella parola e nella mente. E si renderà conto che, in verità, la morte non va temuta ma che, invero, apporta felicità".

(Anguttara Nikaya)

- BUDDHISMO & MEDITAZIONE -
- Buddhismo & Meditazione - Amazon
- Buddha e Buddismo - Macrolibrarsi

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.