Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2016

Avvicinarsi al centro divino - Aivanhov

"Ogni volta che ne avete le condizioni, pensate a fare questo esercizio. Chiudete gli occhi, concentratevi e cercate di avvicinarvi al centro divino in voi stessi... A poco a poco, sentirete che i pensieri, i sentimenti e i desideri che non vibrano in armonia, sono ricondotti verso quel centro intorno al quale devono gravitare.

Perdonare significa 'lasciar andare - Jon Kabat-Zinn

Nella pratica dell'insight accettiamo ogni momento così com'è, vivendolo pienamente. L'accettazione può essere appresa osservando i pensieri, le sensazioni, le emozioni e le esperienze che si manifestano, evitando nel contempo di giudicarle. Sarà molto difficile riuscire ad accettare il passato, con i suoi dolori, i fallimenti e i problemi, se non avremo imparato ad accettare ciò che sta accadendo in questo preciso istante.

La compassione - Gedun Tharchin, Geshe

"Vi racconto un breve aneddoto: un monaco tibetano è stato in prigione per venti anni in Tibet e quando è uscito si è recato in India per parlare con il Dalai Lama; questi gli ha domandato:
- "Quale è la cosa più brutta, la cosa più tremenda che ti è capitata in prigione?"
E il monaco gli ha risposto:

Desideri meditare? - Osho

Allora mentre mediti, tieni presente che niente sta davanti a te e niente sta dietro di te. Lascia che il passato perisca e lascia che il futuro se ne vada.

Le parole hanno più di un significato - Swami Chetanananda

In sanscrito le parole hanno più di un significato. Per esempio, la parola go significa sia mucca che gli organi di senso; gopal significa così non solo pastore, ma anche yogi che tiene gli organi di senso completamente sotto controllo.

Meditazione: tre cose essenziali - Osho

La meditazione presuppone alcune cose essenziali, qualsiasi sia il metodo usato: queste sono comuni a tutti. La prima è uno stato d'animo rilassato: non lottare con la mente, non controllare la mente, non concentrarti. La seconda cosa: limitati a osservare con una consapevolezza rilassata qualsiasi cosa accada, senza interferire. Osserva la mente, in silenzio, senza giudizio, senza critiche.

L'illusione delle ricompense - Antony De Mello

Fino a quel momento, non si arrivera' a nulla. I grandi mistici e maestri dell'Oriente direbbero: "Chi sei tu?". Molti pensano che la domanda piu' importante del mondo sia: "Chi e' Gesu ' Cristo?". Sbagliato! Molti ritengono che sia: "Dio esiste?". Sbagliato! Molti pensano che sia: "Esiste una vita dopo la morte?". Sbagliato!

Sembra che nessuno si occupi di questo problema: esiste una vita prima della morte?

La realizzazione del Sé - Lahiri Mahasaya

La meditazione culmina nella rivelazione. Dalla realtà dell'essere sorgono la percezione e l'esperienza del puro Sé. La realizzazione del Sé è la rivelazione spontanea della nostra vera natura attraverso l'illuminazione della nostra pura coscienza.

Il cuore dell'insegnamento del Buddha

Espressioni brevi, frasi stringate, ma ad effetto. Rare chiacchiere, nessun ragionamento, tanto meno promesse. La spiritualità di cui ci occupiamo è più che pratica. La tua vita – come la meditazione – si svolge tutta nel presente. Non vi sono dottrine da comprendere, precetti da osservare, verità cui prestar fede.

Connessione con il vostro corpo interiore - Eckhart Tolle

La chiave sta nell'essere in uno stato di connessione permanente con il vostro corpo interiore: percepirlo in ogni momento. Questo approfondirà e trasformerà rapidamente la vostra vita. Più consapevolezza indirizzate verso il corpo interiore, più elevata diventa la sua frequenza di vibrazione, analogamente a una luce che si fa più intensa quando si agisce sull'interruttore graduale aumentando così il flusso di elettricità. A questo più elevato livello di energia, la negatività non può più influenzarvi e voi tendete ad attrarre circostanze nuove che riflettono questa frequenza più elevata.

Venti minuti - Sogyal Rinpoche

Spesso la gente mi chiede: “Quanto a lungo devo meditare? E quando? Devo praticare venti minuti al mattino e venti minuti alla sera, o è meglio fare ripetute sedute brevi durante il giorno?” Si, è buono meditare venti minuti, anche se non è che venti minuti siano un limite. Non ho trovato alcun riferimento nelle scritture su “venti minuti”; credo che sia un’idea sorta in Occidente, personalmente la chiamo: Tempo Standard Occidentale.

La meditazione per il Buddha - Ajahn Chah

Il Dharma del Buddha non si trova nei libri. Se realmente desiderate vedere da voi di che cosa il Buddha parlasse non dovete perder tempo coi libri. Guardate la vostra mente. Esaminatela per vedere come le sensazioni vengano e vadano, come i pensieri vengano e vadano.