Passa ai contenuti principali

Pasqua 2015, meditazione, rigenerazione

Pasqua, trasformazione, rigenerazione, ma soprattutto, emancipazione dalla sofferenza. Le vicissitudini esistenziali, gli inconvenienti naturali o straordinari che la vita comporta, ci seguono sempre. Come ombre pronte a ghermire ciò che di bello e giusto siamo riusciti a conquistare, si avvicendano di continuo. Contemplare siffatte angustie e superarle con la meditazione sembrerebbe una vera impresa.

 Meditazione nel Web

Il punto cruciale è come trarne profitto spirituale. L'energia, sia che generi calma, gioia o beatitudine, sia che provochi attrito mentale se non sofferenza fisica è sempre la stessa. Riconoscere l'energia implicita che sottende siffatte circostanze, diventarne consapevoli è un buon passo verso il risveglio, il rinnovamento ideale, la trascendenza. La rigenerazione è dietro l'angolo. Ciò che di per sé creava già benessere non potrà che riaffermare l'armonia inerente. Quel che suscitava, di converso, malessere, si trasformerà in uno stato di grazia.

Come realizzarlo? Ecco la meditazione vera e propria. Osserva le sensazioni. Certo, non si succedono così di frequente come le fasi alterne del respiro o i pensieri, ma si susseguono comunque. Prendine atto, non giudicarle, non tentare di cambiarle. Dalla consapevolezza delle sensazioni alla percezione dell'energia primeva che le origina il passo è breve. Ora sei ben al di là di tutto questo. Lascia che il fiume della vita segua il suo corso. Elevati sulla contingenza e sorriderai dei giochi di luce che una strana sorte si è riservata di offrirti. La vita, gli eventi, hanno sempre un senso. Qualunque cosa accada, osserva, rilassati e diventane testimone. Per ora siete in due, ci sei tu, l'osservatore, e la cosa osservata. Che accadrà in seguito?

Auguri di Buona Pasqua 2015.

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.