Passa ai contenuti principali

Non tardare mai nel dare - Amma

Questo è un episodio interessante tratto dal Mahabharata, dove Karna descrive la natura instabile e negativa della mente.

Karna era rispettato da tutti per la sua gentilezza e grande generosità. Un giorno stava frizionando i capelli con l'olio e si preparava a fare il bagno. In quel momento arrivò il Signore Krishna e chiese la tazza incastonata di gioielli colma d'olio come dono. Krishna stava mettendo alla prova Karna, poiché si sapeva che Karna avrebbe, senza eccezioni, dato immediatamente qualsiasi cosa gli fosse stato chiesto. Non rimandava mai le occasioni per donare.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Quando Krishna gli chiese la tazza incastonata di gioielli che Karna stava usando, Karna rimase alquanto sorpreso. Disse: "Ah, mio Signore, è strano che tu voglia una cosa così meschina. Eppure, chi sono io da giudicare ciò? Eccola, prendila." - E poiché la mano destra di Karna era unta d'olio, mise la tazza in mano a Krishna usando la mano sinistra. Ma il Signore rimproverò Karna per aver dato il dono con la mano sinistra. (In India non si offre mai niente con la mano sinistra poiché è considerato scorretto.)

'Perdonami, Signore!' disse Karna. 'Come vedi, ho la mano destra unta d'olio ed avevo paura che, nel tempo che avrei impiegato per lavarmi la mano, la mia mente indegna avrebbe potuto cambiare idea e non desiderare più di darti la tazza. Allora la mia mente instabile mi avrebbe privato della grande fortuna che la provvidenza mi ha dato di offrirTi qualcosa. Questa è la ragione per cui ho agito in quello stesso momento. Per favore perdonami.'"

http://www.amma-italia.it

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.