Passa ai contenuti principali

Il desiderio di felicità - J. Krishnamurti

[...] Cioè a dire, voi meditate per ottenere ciò che vi preme. Per avere ciò che desiderate, vi disciplinate rigidamente, seguite certe norme e certe regole; stabilite un piano e lo seguite per avere ciò che sta alla fine di questo piano. Sperate di raggiungere certi risultati, certi stadi ben definiti, secondo la persistenza del vostro sforzo e, progressivamente, sperimentate una gioia sempre più grande. Questo piano ben predisposto vi garantisce il risultato finale. Così la vostra meditazione è una faccenda ben calcolata, non è vero? [...]

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Questo desiderio di beatitudine implica che la beatitudine è qualcosa di finale, di perpetuo, non è vero? Ogni altro risultato è stato insoddisfacente; [...]
La mente cerca un rifugio definitivo e imperituro; e pertanto si disciplina e si allena, pratica certe virtù per ottenere ciò che vuole. Può forse avere una volta sperimentato quella beatitudine ed ora la insegue affannosa. Come altri che perseguono risultati, voi perseguite il vostro, soltanto lo avete posto a un livello differente; potete definirlo più elevato, ma ciò non ha importanza. Un risultato significa una conclusione; l'arrivo implica un altro sforzo per divenire. La mente non è mai in riposo, è sempre tesa nello sforzo, sempre intenta a conseguire, a ottenere - e, naturalmente, sempre in preda alla paura di perdere. Questo processo si chiama meditazione? Può una mente impigliata in un interminabile divenire essere consapevole della beatitudine? [...]
Il perseguimento di un risultato non può mai essere spontaneo; ciò che è libero non può perseguire un fine. La meta, l'ideale, è sempre una proiezione della mente, e certo questa non è meditazione. La meditazione è liberazione di colui che medita; soltanto nella libertà c'è scoperta, sensibilità a ricevere. Senza libertà non può esservi beatitudine; ma la libertà non viene attraverso la disciplina. La disciplina crea il modello della libertà, ma il modello non è la libertà. Il modello deve essere infranto perchè la libertà sia. La rottura del calco è la meditazione. Ma questa rottura del calco non è una meta, un ideale. Il modello è rotto di momento in momento. Il momento infranto è il momento dimenticato. [...]
Colui che medita è la meditazione. Allora la mente è sola, non "resa" sola; è silente, non "resa" silente. Solamente a chi è solo può venire ciò che è senza causa, solamente per chi è solo c'è beatitudine.

Da "Meditazioni Sul Vivere" di Jiddu Krishnamurti- Jiddu Krishnamurti

- Jiddu Krishnamurti su Amazon.it
- Libri di Jiddu Krishnamurti su macrolibrarsi.it
- La verita' è una terra senza vie - J. Krishnamurti
- Meditazione nel web » Aforismi » Jiddu krishnamurti
- it.wikipedia.org/wiki/Jiddu_Krishnamurti
- krishnamurti.it
- jkrishnamurti.org

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.