Passa ai contenuti principali

Trattato di pace - Thich Nhat Hanh

Per poter vivere insieme a lungo e felici, affinché (la meditazione - ndr), l'amore e la comprensione possano svilupparsi e approfondirsi costantemente, noi sottoscritti ci impegnamo ad osservare e praticare quanto segue:

Quando sono arrabbiato mi impegno a:

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

1. Astenermi dal dire o fare qualsiasi cosa che possa causare ulteriore danno o intensificare l'ira.
2. Non reprimere la mia rabbia.
3. Praticare la respirazione e prendere rifugio nella mia isola interiore.
4. Con calma, comunicare entro 24 ore a chi mi ha fatto arrabbiare che sono irritato e sofferente, sia verbalmente sia consegnando un 'Messaggio di Pace'.
5. Chiedere un appuntamento, sia verbalmente sia tramite un 'Messaggio di Pace', per un successivo giorno della settimana per discutere la questione in modo più esauriente.
6. Non dire: 'Io non sono arrabbiato. Va tutto bene. Non sto soffrendo. Non c'è nessun motivo per essere arrabbiato, niente che meriti di suscitare la mia ira'.
7. Praticare la respirazione e il guardare in profondità nella mia vita quotidiana, mentre sono seduto, sdraiato, in piedi e mentre cammino, per vedere:

a) i modi nei quali anch'io, a volte, sono stato maldestro.
b) come ho ferito l'altra persona a causa delle mie tendenze abituali.
c) come il seme della rabbia, che è presente in me, sia causa primaria della mia ira.
d) come la sofferenza dell'altra persona, che innaffia il seme della mia rabbia, sia la causa secondaria.
e) come l'altra persona non stia cercando altro che il sollievo dalla propria sofferenza.
f) che io non potrò essere davvero felice fino a che l'altra persona continua a soffrire.

8. Scusarmi immediatamente non appena mi rendo conto della mia mancanza di tatto e di consapevolezza.
9. Posticipare l'appuntamento nel caso io non mi senta abbastanza calmo per incontrare l'altra persona.

Thich Nhat Hanh, da "Toccare la Pace" - Ubaldini 1994

- Tutti i libri di Thich Nhat Hanh su Macrolibrarsi.it
- Thich Nhat Hanh su Amazon.it
- Thich Nhat Hanh su wikipedia
- EsserePace.org - Thich Nhat Hanh

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

I rischi della “zona intermedia” - Sri Aurobindo

In questo brano (la risposta ad un discepolo che gli chiedeva consiglio circa le proprie esperienze) Aurobindo tratta dei rischi della "zona intermedia": quello stato o periodo di confusione in cui si esce dalla coscienza personale e ci si apre a quella cosmica, senza aver tuttavia trasceso i livelli della mente umana.

"Tutte queste esperienze sono della stessa natura e ciò che vale per una vale anche per l'altra. A parte alcune esperienze di carattere personale, le altre sono o idee-verità, come quelle che si riversano dall'alto nella coscienza quando si entra in contatto con certi piani d'essere, oppure potenti formazioni provenienti dai più vasti mondi della mente e del vitale le quali, non appena il sadhaka si apre a tali mondi, si precipitano dentro di lui cercando di usarlo per realizzarsi. Queste cose, quando scendono o entrano nella coscienza, si presentano con una grande forza, un vivo senso d'ispirazione o illuminazione, una sensazione vivissim…

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.