Passa ai contenuti principali

Tutto è me stesso - Annamalai Swami

Annamalai Swami incontrò Bhagavan (Ramana Maharshi) nel 1928 e rimase con lui per 10 anni. Nel ’38 Bhagavan gli chiese di consacrarsi alla meditazione in solitudine a Palakottu, in una comunità di sadhu; Bhagavan andava spesso a trovarlo nella sua piccola dimora, dove lo Swami continuava ad applicare i suoi insegnamenti. Attraverso questa meditazione costante, negli anni ‘50 – ‘60 raggiunse una presenza permanente al Sé. Fu negli anni ‘80 che numerosi discepoli andarono a visitarlo; a loro trasmetteva i suoi insegnamenti con una forza rara, dalla sua esperienza diretta.
Sfortunatamente poche sedute furono registrate, quindi esistono poche tracce del suo insegnamento tra gli anni ‘80 e ‘90. Nel ‘95 Annamalai Swami si spense all’età di 89 anni. Furono registrate le sedute di quell’anno tenute tra marzo e ottobre, negli ultimi mesi della sua vita di insegnante. La seguente è una di queste.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

A.S.: IL Sé è facilmente accessibile ad ogni istante, ma noi non possiamo averne coscienza nemmeno se concentriamo il nostro pensiero sul Sé, perché le nostre vasana (formazioni mentali) attirano sempre il nostro interesse e la nostra attenzione verso altre direzioni.
Per questo è importante avere questa coscienza: “Non sono la mente. Sono il Sé”. Ogni volta che la vostra attenzione sta venendo meno e  cerca di portarvi altrove, dovete ricondurla al Sé con fermezza. Non date retta alle parole della mente che vi tentano ad allontanarvi dal Sé. Dovete ignorarle e concentrarvi sulla luce che risplende in voi.

D: Quando sono in profonda meditazione, la pace è sempre presente. Ma ho l’impressione che questa pace può andare e venire. So che è solo un’idea, ma voglio sbarazzarmene e fare l’esperienza diretta della pace che non appare e scompare. Bhagavan ha detto: “Voi siete sempre il Sé. Dovete solo liberarvi dalla nozione che non siete il Sé” Come arrivarci?
A.S.: Il Sé è la pace e la felicità. La vera realizzazione del Sé consiste nel realizzare che sono in voi. Non potete distinguere la pace o la felicità dal Sé. Non sono aspetti differenti. Siccome avete l’idea che sono in voi, è là che cercate per trovarli; ma per voi questo rimane un concetto. Così, fatevi la domanda: “A chi viene quell’idea? Chi ha quell’idea?”
Dovete perseverare in questa direzione se volete cambiare l’idea in esperienza. La pace non è né un’idea né qualcosa che va e viene. Noi siamo SEMPRE Quello. Allora rimanete in Quello. Non conoscete né nascita né morte, né schiavitù né libertà. Non c’è che la pace eterna, libera da ogni idea: “io sono il corpo”. E’ questo che deve sparire.

D: Perciò è la nozione d’essere il corpo e la mente che ritorna e copre l’esperienza?
A.S.: Si, esattamente. Quell’idea “io sono il corpo” non è presente nel sonno. A tutti piace dormire, semplicemente perché non c’è nessun pensiero. Sono i pensieri che tornano dopo che fanno nascere i problemi. Non c’è un’entità separata quando dormiamo, perché nessun pensiero viene a creare l’immagine. Al risveglio, il primo pensiero che sorge, “io sono il corpo” porta alla separazione, al dubbio, alla confusione. Se arrivate a rimanere senza pensiero al vostro risveglio, ci sarà la conoscenza: “Io sono Ramana, io sono Arunachala. Tutto è me stesso” Rama, Krishna ecc., tutto è voi. Non c’è che quel pensiero limitativo “sono il corpo” per nascondervi questa conoscenza, questa coscienza. Nello stato di veglia, l’jnani (il risvegliato) non ha pensieri restrittivi, nessun ego che si identifica con un nome e una forma. Il suo stato è limpido come il cristallo. Siccome Ramana Bhagavan non aveva né ego né pensieri restrittivi, sapeva che era quella pace, quella felicità.

D: Come possiamo evitare  di attaccarci alla forma del Guru, alla sua personalità e al luogo in cui vive?
A.S.: Se evitate totalmente d’attaccarvi al vostro corpo e alla vostra mente, tutti gli altri attaccamenti spariranno. Identificatevi con Quello che non è né il corpo né la mente e non avrete più nessun attaccamento.
Non potete concentravi che su di una sola cosa alla volta. Se la vostra attenzione è sulla mente e sul corpo, non può essere sul Sé. Invece, se la mettete sul Sé e vi lasciate assorbire, non avrete coscienza della mente né del corpo.
Ogni notte mentre dormite, voi allontanate il vostro attaccamento al corpo e alla mente e ne consegue il silenzio, la pace e l’assenza di dualità. Potete vivere nello steso modo nello stato di veglia se non date retta ai pensieri che producono in voi la dualità. Resistete ai pensieri limitanti. Cambiateli con altri come: “ Tutto è me. Ogni essere umano è me. Tutti gli animali, tutti gli esseri della creazione sono me”, ciò che pensate voi lo diventate.
Se comprendete che tutto ciò che esiste è voi stessi e se ne fate l’esperienza, come potete avere dei piaceri e dei dispiaceri? Se tutto è voi stessi, il desiderio di evitare qualsiasi cosa e l’impulso a preferire qualcosa non si presentano.
Se volete stabilire una qualunque distinzione, evitate le cattive frequentazioni e i pensieri negativi. La notte, se improvvisamente sentite freddo,vi mettete addosso una coperta. Avvolgetevi nella coperta della discriminazione quando vedete che le cattive frequentazioni o dei pensieri negativi rischiano di trascinarvi verso il basso. Forse voi avete bisogno di agire così, ma l’jnani non se ne cura perché niente lo può far ricadere nel regno delle false identificazioni. Egli rimane eternamente in quello stato dove sa che tutto è lui-stesso. Non avrà mai più l’idea che qualsiasi cosa è differente o separato dal suo proprio Sé. ...

3ème Millenarie n. 78 -  Traduzione di Luciana Scalabrini
http://www.sviluppocoscienza.it/Annamalai.doc
 - http://www.sviluppocoscienza.it
Il blog italiano della Rivista francese 3e millénaire

- L'insegnamento di sri Ramana Maharshi - Maharshi Ramana
- Libri › "Maharshi Ramana" - Amazon.it

- I libri consigliati di Sri Ramana Maharshi - macrolibrarsi.it
- Meditazione nel web » Aforismi » Ramana Maharshi
- it.wikipedia.org/wiki/Ramana_Maharshi

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.