Passa ai contenuti principali

L'amore e la compassione predominano nel mondo?

Colgo l'occasione della lettura di una breve considerazione del Dalai lama per sviluppare, subito dopo, un rapido commento.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

"Noi esseri umani esistiamo nella nostra forma attuale da circa cento mila anni. Credo che, se nel corso di tutto questo tempo la mente umana fosse stata controllata soprattutto dalla rabbia e dall'odio, la popolazione umana mondiale sarebbe diminuita. Ma oggi, malgrado tutte le guerre che ci sono state, vediamo che la popolazione umana è più numerosa che mai. Ciò è per me un chiaro indizio che l'amore e la compassione predominano nel mondo. Ed ecco anche perché gli eventi sgradevoli sono «notizie»: le attività compassionevoli sono tanto parte della vita quotidiana da essere date per scontate e, pertanto, in gran parte ignorate." (Tenzin Gyatso, XIV Dalai Lama)

Commento: "Oggigiorno è difficile credere che la compassione predomini davvero. Dinanzi agli sciacalli che reggono le sorti d'innumerevoli cittadini del mondo spacciando frottole per successi e verità inconfutabili, purtroppo, c'è solo da inorridire. Bisognerebbe, quindi, aggiungere che l'amore e la compassione senza il coraggio, la volontà e la perseveranza per cambiare in meglio rimarranno solo vane speranze."

Commenti

  1. Secondo me amore e compassione prevalgono nella'intimo di ciascuno. Solo che son cose impalpabili, non fanno rumore e difficili da ammettere in pubblico. Forse è per questo che comunque il pianeta va avanti.

    RispondiElimina

Posta un commento

Per cortesia, aggiungi solo commenti pertinenti. Se, invece, hai altri quesiti o vuoi contribuire al blog con un articolo sulla meditazione visita questa pagina.

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

I rischi della “zona intermedia” - Sri Aurobindo

In questo brano (la risposta ad un discepolo che gli chiedeva consiglio circa le proprie esperienze) Aurobindo tratta dei rischi della "zona intermedia": quello stato o periodo di confusione in cui si esce dalla coscienza personale e ci si apre a quella cosmica, senza aver tuttavia trasceso i livelli della mente umana.

"Tutte queste esperienze sono della stessa natura e ciò che vale per una vale anche per l'altra. A parte alcune esperienze di carattere personale, le altre sono o idee-verità, come quelle che si riversano dall'alto nella coscienza quando si entra in contatto con certi piani d'essere, oppure potenti formazioni provenienti dai più vasti mondi della mente e del vitale le quali, non appena il sadhaka si apre a tali mondi, si precipitano dentro di lui cercando di usarlo per realizzarsi. Queste cose, quando scendono o entrano nella coscienza, si presentano con una grande forza, un vivo senso d'ispirazione o illuminazione, una sensazione vivissim…

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.