Passa ai contenuti principali

La mia religione è la gentilezza - Dalai Lama

"Prendete contatto con sentimenti di gentilezza amorevole nel vostro intimo a un certo punto della vostra pratica meditativa. Cercate di accantonare qualsiasi obiezione a questa pratica o le ragioni per cui non siete amato e accettato. Considerate tutto questo sempli­cemente come pensiero. Immergetevi nel calore dell'accettazione e della gentilezza amorevole al pari di un bambino tenuto in braccio dalla madre o dal padre.

Buddha

Successivamente fate in modo di riverberarla prima verso altri e poi verso il mondo intero. È una pratica illimitata, ma come le altre si approfondisce e cresce grazie alla sollecitudine co­stante, come una pianta in un giardino tenuto con tenera cura. Ma fa­te attenzione a non tentare di aiutare il vostro prossimo o il pianeta in­tero. Diciamo piuttosto che gli dedicate attenzione, lo apprezzate, au­gurandogli ogni bene, aprendovi alla sofferenza con gentilezza, com­passione e accettazione. Se nel corso di questo processo troverete che questa pratica vi spinge a comportarvi diversamente nel mondo, fate in modo che le vostre azioni siano improntate a gentilezza amo­revole e consapevolezza."

(Dalai Lama)

- Dalai Lama (Amazon.it)
- Il Dalai Lama su Macrolibrarsi.it
- Il Dalai Lama su Wikipedia
- Frasi celebri del Dalai Lama

Commenti

  1. Ciao,
    lietamente ho letto questo post che trovo illuminante nella sua semplicità. Rispondo in quanto nella lettura mi sono ricordato dei miei errori legati al lungo percorso intrapreso con la meditazione circa 15 anni fa, quando non facevo altro che cercare aggregazione per consolidare il mio interesse di crescita, in quanto avevo paura di affrontarlo da solo. L'errore è stato proprio quello di perdermi e quindi rifarmi solo all'eseprienza altrui rifiutando la mia. poi un giorno nel parlare con uno dei miei Maestri, egli mi ha fatto intendere un verità fondamentale che portao molto cara in me, cioè che il vero maestro è dentro ognuno di noi e la cosa difficile inizialmente è mettersi in contatto con esso. Credo che la Meditazione che io ritengo sia un'arte è proprio la Via che stabilisce la connessione con il Maestro interiore.
    Grazie per questa riflessione che mi è stata donata
    Ciao
    Gennaro
    www.latuametamorfosi.com

    RispondiElimina

Posta un commento

Per cortesia, aggiungi solo commenti pertinenti. Se, invece, hai altri quesiti o vuoi contribuire al blog con un articolo sulla meditazione visita questa pagina.

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

I rischi della “zona intermedia” - Sri Aurobindo

In questo brano (la risposta ad un discepolo che gli chiedeva consiglio circa le proprie esperienze) Aurobindo tratta dei rischi della "zona intermedia": quello stato o periodo di confusione in cui si esce dalla coscienza personale e ci si apre a quella cosmica, senza aver tuttavia trasceso i livelli della mente umana.

"Tutte queste esperienze sono della stessa natura e ciò che vale per una vale anche per l'altra. A parte alcune esperienze di carattere personale, le altre sono o idee-verità, come quelle che si riversano dall'alto nella coscienza quando si entra in contatto con certi piani d'essere, oppure potenti formazioni provenienti dai più vasti mondi della mente e del vitale le quali, non appena il sadhaka si apre a tali mondi, si precipitano dentro di lui cercando di usarlo per realizzarsi. Queste cose, quando scendono o entrano nella coscienza, si presentano con una grande forza, un vivo senso d'ispirazione o illuminazione, una sensazione vivissim…

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.