Passa ai contenuti principali

Dio prospera in te - Roy Eugene Davis

La Grazia di Dio è sempre disponibile. L’uomo non deve fare altro che risvegliarsi ad essa ed essere aperto. La Grazia è l’attività della vita creativa di Dio, che si esprime attraverso tutta la natura e che va in direzione dell’appagamento. Poiché la natura si muove in direzione del completamento, ogni cosa di cui abbiamo bisogno per la nostra espressione illimitata è già disponibile.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Siamo stati creati per prosperare, nello stesso modo in cui prospera Dio. Siamo stati creati per crescere, svilupparci, esprimerci e per raggiungere i nostri scopi. Non credere che Dio voglia per te mancanza e limitazione. Dio desidera esprimersi in te e attraverso di te. Quando ti rifiuti di prosperare, ti stai rifiutando di fare la volontà di Dio. La paura della vita, del successo, delle opinioni umane e di ciò che non si conosce contribuisce alla coscienza della povertà. L’amore per la vita, la voglia di riuscire, la mancanza di paura delle opinioni altrui e l’essere “risoluti”, contribuiscono alla prosperità. Dio è la nostra vita, la nostra Realtà più grande e desidera manifestare in modo abbondante la sua buona volontà. Non credere a nulla di contrario. Vivi la vita ideale e prospera.

Pensieri sulla prosperità (Roy Eugene Davis)
    Fonte web Kriyayoga.it
    - Center for Spiritual Awareness (pagina in italiano)

    Meditazione: La contemplazione dell'essenza divina è una straordinaria forma di meditazione. Comincia con il concentrarti su ciò che di più puro e incontaminato, di più autentico e innocente, di più disinteressato e limpido possa esistere e il resto seguirà da sé.

    Commenti

    Post popolari in questo blog

    La trasformazione della mente - Dalai Lama

    La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

    I rischi della “zona intermedia” - Sri Aurobindo

    In questo brano (la risposta ad un discepolo che gli chiedeva consiglio circa le proprie esperienze) Aurobindo tratta dei rischi della "zona intermedia": quello stato o periodo di confusione in cui si esce dalla coscienza personale e ci si apre a quella cosmica, senza aver tuttavia trasceso i livelli della mente umana.

    "Tutte queste esperienze sono della stessa natura e ciò che vale per una vale anche per l'altra. A parte alcune esperienze di carattere personale, le altre sono o idee-verità, come quelle che si riversano dall'alto nella coscienza quando si entra in contatto con certi piani d'essere, oppure potenti formazioni provenienti dai più vasti mondi della mente e del vitale le quali, non appena il sadhaka si apre a tali mondi, si precipitano dentro di lui cercando di usarlo per realizzarsi. Queste cose, quando scendono o entrano nella coscienza, si presentano con una grande forza, un vivo senso d'ispirazione o illuminazione, una sensazione vivissim…

    Age quod agis

    Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.