Passa ai contenuti principali

Amore, Ricchezza e Successo (racconto)

Rientrando a casa, una donna vide tre uomini dalle lunghe barbe bianche seduti nel cortile. Disse loro: "Non ci conosciamo, ma avete l'aria affamata: entrate, che vi offro qualcosa da mangiare."

"Tuo marito è in casa?", le domandarono.

"No. È uscito."

"Allora non possiamo entrare."

Quella sera, rincasato suo marito, la donna gli spiegò cos'era successo. Lui le rispose:

"Beh, adesso sono qua: va' da loro, digli che son tornato, e falli entrare."

"Non entriamo tutti nella stessa casa", rispose l'uomo a sinistra.

"Perchè?", domandò la donna.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

L'uomo in mezzo, indicando i suoi due compagni, spiegò: "Il suo nome è Ricchezza, e il suo è Successo. Io sono Amore.", poi aggiunse: "Adesso rientra in casa, e decidi con tuo marito chi di noi desideri in casa tua."

La donna entrò e ripetè a suo marito ciò che le era stato detto. Lui era entusiasta: "Che bello! Be', visto che le cose stanno così, invitiamo Ricchezza, e che riempia la nostra casa di ricchezza!"

Sua moglie non era d'accordo: "Ma, caro, perchè non invitiamo Successo?"

La loro bambina, che aveva ascoltato tutto da un'altra stanza, li raggiunse proponendo invece di invitare Amore: "Così la nostra casa sarà piena d'amore."

I genitori si sorrisero, e decisero di darle ascolto. Così la donna uscì, e domandò: "Chi di voi è Amore? Vieni, entra, e sii nostro ospite."

Amore si alzò e cominciò a camminare verso la casa. A quel punto anche gli altri due si alzarono, e lo seguirono.

Esterrefatta, la donna domandò loro: "Io ho invitato Amore: come mai venite anche voi?"

I due vecchi risposero all'unisono: "Se tu avessi invitato Ricchezza o Successo, gli altri due sarebbero rimasti fuori. Ma visto che hai invitato Amore, ovunque lui vada noi lo seguiamo: dove c'è Amore, c'è sempre sia Ricchezza che Successo."

(Questo racconto di "Anonimo" proviene da un forum; se qualche cortese lettore ritiene di conoscerne l'esatta origine può precisarla commentando questo stesso messaggio; grazie.)

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

I rischi della “zona intermedia” - Sri Aurobindo

In questo brano (la risposta ad un discepolo che gli chiedeva consiglio circa le proprie esperienze) Aurobindo tratta dei rischi della "zona intermedia": quello stato o periodo di confusione in cui si esce dalla coscienza personale e ci si apre a quella cosmica, senza aver tuttavia trasceso i livelli della mente umana.

"Tutte queste esperienze sono della stessa natura e ciò che vale per una vale anche per l'altra. A parte alcune esperienze di carattere personale, le altre sono o idee-verità, come quelle che si riversano dall'alto nella coscienza quando si entra in contatto con certi piani d'essere, oppure potenti formazioni provenienti dai più vasti mondi della mente e del vitale le quali, non appena il sadhaka si apre a tali mondi, si precipitano dentro di lui cercando di usarlo per realizzarsi. Queste cose, quando scendono o entrano nella coscienza, si presentano con una grande forza, un vivo senso d'ispirazione o illuminazione, una sensazione vivissim…

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.