Passa ai contenuti principali

Semi di saggezza dei nativi americani

Per noi, i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non e' chi combatte, perchè nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica se stesso per il bene degli altri. E' suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non puo' provvedere a se stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanita'. (Toro Seduto)

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Lungo il cammino delle vostra vita fate in modo di non privare gli altri della felicità. Evitate di dare dispiaceri ai vostri simili ma, al contrario, vedete di procurare loro gioia ogni volta che potete! (Proverbio Sioux)


Non perseguitare e non deridere mai un tuo simile per la sua Religione. Rispetta invece ciò in cui lui crede, se vuoi che lui, in cambio, rispetti te. (Tecumseh)


L'unica cosa necessaria per la tranquillità del mondo, è che ogni bimbo possa crescere felice. (Dan George)


Sono venuto al mondo con la pelle color bronzo. Molti miei amici sono nati con la pelle gialla, nera o bianca. Ci sono fiori dai colori diversi ed ognuno di essi è bello. Io spero che i miei figli vivano in un mondo in cui tutti gli uomini, di ogni colore, vadano d'accordo e lavorino insieme, senza che la maggioranza cerchi di uniformare gli altri al proprio volere. (Tatanga Mani)


Chi vuol essere un uomo giusto deve rispettare tutte le forme di vita su questa terra; il cielo, la luna, il sole, le stelle e quello che la natura ci dà. Se a casa sua arriva qualcuno ed è povero, gli deve dare alloggio, da mangiare e da vestire. Così si dovrebbe comportare un uomo giusto. (dal compito scritto di un bambino di 12 anni: Kim Katsitsiosta)


Gli anziani meritano il massimo rispetto, perche' ci hanno tramandato le tradizioni, la cultura e la Lingua. Essi, ancora oggi, con la loro saggezza, ci aiutano a rendere migliore la nostra vita. (Sinta Glesha)


I pellerossa sono come lupi; feroci, ma vigliacchi. Annientarli sara' una passeggiata. (Col. William Harney, 1855)


Vedevo gli indiani che cercavano di fuggire in tutte le direzioni, trascinandosi bambini, donne sanguinanti, uomini gia' chiaramente morti, ma che le loro squaw non volevano abbandonare... La Cavalleria sopravveniva alle loro spalle e li spingeva verso i soldati appiedati, che tiravano su di loro con calma, caricando e ricaricando a turno i moschetti... Quelli che riuscivano a fuggire, venivano inseguiti e finiti dai dragoni a cavallo...
I guerrieri cantavano il canto di guerra e si lanciavano contro i soldati, cadendo dopo pochi passi tra pallottole che ronzavano dappertutto come vespe furiose... Cinque figure accovacciate sotto un cespuglio saltarono fuori, aprendosi le vesti sul seno per fare vedere ai soldati che erano donne, ma i soldati le inseguirono facendole a pezzi, tagliando via prima un braccio, poi una gamba e divertendosi a mozzare i loro seni con le sciabole... Un gruppo di donne, saranno state cinquanta o sessanta, si erano rifugiate in una piccola grotta e mandarono fuori una bambina piccola, con uno straccio bianco in mano, per chiedere pieta'... La bambina fu subito decapitata da un fendente di sciabola... I soldati sembravano impazziti, correvano e sparavano e mutilavano... C'era chi mutilava anche i morti, tagliando via i testicoli ai maschi e dicendo che ne avrebbero fatto una borsetta per il tabacco... Qualche ufficiale gridava basta, fermatevi in nome di Dio, siete soldati dell'esercito degli Stati Uniti, ma quegli uomini non erano piu' soldati, erano diventati come cani idrofobi...
(Capitano John Todd a proposito del massacro dell'Acqua Azzurra, 1855)


Non e' come nasci, ma come muori, che rivela a quale popolo appartieni. (Alce Nero, 1890)


Il cane che lecca una mano, non vede il coltello nascosto nell'altra. (Cavallo Pazzo)


Per voi uomini bianchi il Paradiso e' in cielo; per noi, il Paradiso e' la Terra. Quando ci avete rubato la Terra, ci avete rubato il Paradiso. (Piccola Foglia, 1990)


La soluzione del problema indiano e' ammazzare tutti gli indiani. (Gen. William Sherman, 1868)


Fino a quando il bisonte vivra', questa terra apparterra' ai Sioux... (Secondo trattato di Fort Laramie, 1868)


Il solo indiano buono e' un indiano morto. (Gen. Philip Sheridan, 1870)


Dove sono oggi i Pequot? Dove sono i Narragansett, i Mohicani, i Pokanoket e molte altre tribu' del nostro popolo, un tempo potenti? Essi sono scomparsi a causa della cupidigia e dell'oppressione dell'Uomo Bianco, come neve al sole d'estate. (Tecumseh degli Shawnees)


Non si deve tenere alcun consiglio con gli indiani, ne' avviare alcuna conversazione. Gli uomini devono essere ammazzati dovunque si trovino. Le donne e i bambini possono essere fatti prigionieri, ma, naturalmente, non devono essere uccisi. (Gen. James Carleton, 1862)


Io una volta pensai di essere l'unico uomo che continuava ad essere amico dell'uomo bianco, ma da quando sono venuti e hanno vuotato le nostre tende, rubato i cavalli e ogni altra cosa, e' difficile per me credere ancora agli uomini bianchi. (Motavato (Pentola Nera dei Cheyenne meridionali)

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.