Passa ai contenuti principali

Fare la scultura di un'immagine vera - Amma

Una volta un maestro diede al discepolo una roccia e gli chiese di scolpire un'immagine. Il discepolo obbediente trascurò di mangiare e dormire e si sedette per lavorare, scolpendo un'immagine. Quando fu completata portò l'immagine al maestro e la offrì ai suoi piedi. Rimase da parte in piedi umilmente, a mani giunte e il capo chino. Il maestro guardò la scultura, la prese e la gettò via. Si ruppe in tanti pezzi.

'E' questo il modo di fare un'immagine?' chiese arrabbiato.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Il discepolo guardò i pezzi rotti e pensò: 'Non ha proferito una sola parola dolce, anche se ho lavorato così duramente per giorni senza né mangiare né dormire!' Conoscendo ciò che stava pensando, il maestro gli diede un'altra pietra e gli chiese di cominciare di nuovo a scolpire un'altra immagine.

Il discepolo andò via con la pietra e fece una nuova immagine più bella della prima. Ancora una volta si avvicinò al maestro, pensando che stavolta il maestro ne sarebbe certamente rimasto contento. Ma non appena il maestro vide l'immagine, divenne rosso in volto. 'Mi stai prendendo in giro? Questa è peggiore dell'altra!' E la ruppe.

Guardò il discepolo, che se ne stava in piedi con la testa umilmente abbassata. Questa volta il discepolo non sentì alcun risentimento verso il maestro, ma si sentì un po' triste.
Il maestro gli diede un'altra pietra e gli chiese di realizzare un'altra opera. Il discepolo scolpì la nuova immagine con molta cura. Era una grande opera d'arte. La sottomise ai piedi del maestro. Ma il maestro la prese e la fece in pezzi all'istante, rimproverando severamente il discepolo. Questa volta il discepolo non si sentì né arrabbiato né triste. Pensò: 'Se questo è ciò che il mio maestro desidera, che sia così. Ogni cosa che fa è per il mio bene.' Questa era l'attitudine alla resa in quel momento.

Il maestro gli diede ancora un'altra pietra. Il discepolo l'accettò con gioia e tornò con un'altra immagine eccezionalmente bella. Il maestro ruppe anche quella. Ma non ci fu neanche un minimo cambiamento nell'umore del discepolo. Il maestro ne fu molto compiaciuto. Mise le mani sul capo del discepolo e lo benedisse.
Un osservatore che guardi le azioni del maestro potrebbe probabilmente pensare che il maestro o fosse crudele o persino pazzo. Soltanto il maestro e il discepolo che si era completamente arreso a lui potevano sapere cosa davvero stesse accadendo. Il maestro fa passare il discepolo per numerose prove in modo da modellarlo nel modo appropriato. Ogni volta che il maestro sfracellava l'immagine che il discepolo gli portava, stava scolpendo una vera immagine nel cuore del discepolo. Era l'ego del discepolo che veniva rotto. Soltanto un satguru può fare così, e soltanto un vero discepolo può provare la beatitudine che ne viene fuori.

- http://www.amma-italia.it

Commento: "L'insegnamento sotteso è quello dell'accettazione, uno stato d'animo indispensabile per inoltrarsi sulla via della meditazione. Qui non si tratta di accettare le eventuali bizzarrie di un presunto quanto improbabile maestro, ma di predisporsi ad accogliere la calma, il rilassamento interiore."

Commenti

  1. Ottima parabola orientale che vela i passaggi delle 4 Iniziazioni esoteriche velate nelle sculture realizzate in ordine numerico: il "maestro" è il Sè superiore, l'Anima, ed il "discepolo" è la personalità durante il Sentiero spirituale che prepara alle iniziazioni, fino alla quarta iniziazione, in cui la Personalità integrata con l'Anima si prepara a superare anche la quinta iniziazione ed unirsi alla Monade (il Padre nei Cieli) e diventare un Maestro della Loggia Bianca.

    RispondiElimina
  2. Mi farebbe piacere sapere da dove è stata tratta, se possibile.

    RispondiElimina
  3. Dallo stesso sito dedicato ad Amma, ma qualche anno fa. Purtroppo, ora, il link alla pagina originale è cambiato.

    RispondiElimina

Posta un commento

Per cortesia, aggiungi solo commenti pertinenti. Se, invece, hai altri quesiti o vuoi contribuire al blog con un articolo sulla meditazione visita questa pagina.

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

I rischi della “zona intermedia” - Sri Aurobindo

In questo brano (la risposta ad un discepolo che gli chiedeva consiglio circa le proprie esperienze) Aurobindo tratta dei rischi della "zona intermedia": quello stato o periodo di confusione in cui si esce dalla coscienza personale e ci si apre a quella cosmica, senza aver tuttavia trasceso i livelli della mente umana.

"Tutte queste esperienze sono della stessa natura e ciò che vale per una vale anche per l'altra. A parte alcune esperienze di carattere personale, le altre sono o idee-verità, come quelle che si riversano dall'alto nella coscienza quando si entra in contatto con certi piani d'essere, oppure potenti formazioni provenienti dai più vasti mondi della mente e del vitale le quali, non appena il sadhaka si apre a tali mondi, si precipitano dentro di lui cercando di usarlo per realizzarsi. Queste cose, quando scendono o entrano nella coscienza, si presentano con una grande forza, un vivo senso d'ispirazione o illuminazione, una sensazione vivissim…

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.