Passa ai contenuti principali

Quando non faccio paragoni comprendo chi sono - J. Krishnamurti

Per tutta la vita, dai tempi della scuola fino alla morte, ci insegnano a confrontarci con gli altri; tuttavia, quando mi paragono con un altro, sto distruggendo me stesso. In una scuola ordinaria, dove ci sono molti ragazzi, cosa succede effettivamente quando uno di loro viene messo a confronto con un altro che è molto intelligente, che è il primo della classe? Facendo così si distrugge quel ragazzo ed è questo che facciamo per tutta la vita.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Ora, posso vivere senza paragoni, senza confrontarmi con nessuno? Questo significa che non c’è l’alto e il basso, non c’è il superiore e l’inferiore. Voi siete semplicemente ciò che siete e, per comprenderlo, il processo del confronto deve avere fine. Se mi paragono sempre con qualche santo o maestro, con qualche uomo d’affari, scrittore, poeta, e tutto il resto, cosa mi succede, cosa faccio? Confronto solo per ottenere, per acquisire, per diventare; invece quando non faccio confronti inizio a comprendere ciò che sono. E questo è molto più affascinante, molto più interessante, è qualcosa che va oltre ogni stupido confronto. -

(Krishnamurti, Talks and Dialogues Saanen 1967, p 86)

- Jiddu Krishnamurti su Amazon.it
- Libri di Jiddu Krishnamurti su macrolibrarsi.it
- La verita' è una terra senza vie - J. Krishnamurti
- Meditazione nel web » Aforismi » Jiddu krishnamurti
- it.wikipedia.org/wiki/Jiddu_Krishnamurti
- krishnamurti.it
- jkrishnamurti.org

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.