Passa ai contenuti principali

Figli di Dio - Aivanhov

"Se Gesù ha potuto dire: «Chi crede in me farà le stesse opere che faccio io, e ne farà anche di più grandi», è perché pensava che tutti gli esseri umani fossero della stessa sua natura, della stessa sua essenza. Perché i cristiani hanno trascurato questo aspetto del suo insegnamento? Semplicemente perché sono pigri; non vogliono fare alcuno sforzo per camminare sulle orme di Gesù. Dicono: «Essendo il figlio di Dio, egli era perfetto; è normale che abbia manifestato un sapere, delle virtù e dei poteri eccezionali.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Invece noi, poveri infelici, con la nostra natura imperfetta e peccatrice, non possiamo che essere deboli, egoisti e cattivi». No, no! Questo non è un buon argomento; tutti gli esseri umani sono figli di Dio, esattamente come lo era Gesù. La sola differenza è che Gesù era cosciente della propria natura divina e della sua predestinazione, aveva già lavorato in questo senso nel corso delle sue incarnazioni anteriori, ed era arrivato sulla terra con immense possibilità e un'idea molto chiara della propria missione. Ma per compiere questa missione, anch'egli ha dovuto fare un immenso lavoro interiore."

(Omraam Mikhael Aivanhov)

- Aivanhov su macrolibrarsi
- Aivanhov su Amazon.it
- Aivanhov su Wikipedia
- Prosveta pubblica le opere d'Aivanhov

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.