Passa ai contenuti principali

Etica Yoga - Yama e Nyama

Per poter beneficiare al massimo delle pratiche spirituali come la meditazione, bisogna costruirsi una base solida nella personalità: una mente forte ed equilibrata. Per lo sviluppo di tale forza ed equilibrio mentale e per il successo nello Yoga, è essenziale uno sforzo sincero nel seguire questi 10 antichi principi:

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Y a m a

  1. Non infliggere pena o dolore ad alcuno con il pensiero, la parola o l'azione. Comportarsi con estrema attenzione senza l'intenzione di causare del male ad alcuna creatura.
  2. Uso benevolente della parola, dell'azione e della mente. Verità benevola ed accorta.
  3. Non impossessarsi di ciò che appartiene ad altri. Questo principio comprende anche la mancanza d'intenzione del privare gli altri di ci che è loro.
  4. Essere attaccati solo a Brahma, la Coscienza Cosmica; considerare ogni oggetto con cui si perviene in contatto quale diversa espressione di Brahma e non quale forma esterna.
  5. Non indulgere nei conforts e nelle amenità che sono superflue al mantenimento dello standard di vita più semplice.


N y a m a

  1. Mantenere la pulizia più scrupolosa della mente, del corpo e dell'ambiente.
  2. Mantenere uno stato mentale sereno appagato.
  3. Alleviare le sofferenze degli altri attraverso il servizio e il sacrificio.
  4. Chiara comprensione e lettura delle scritture spirituali.
  5. Adottare come unico rifugio la Coscienza Suprema e sforzarsi di ottenerla attraverso la meditazione.

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.