Passa ai contenuti principali

Esiste qualcosa di sacro? - Krishnamurti

Nel libro "Verità e Realtà", in cui è riportato anche il resoconto di una meravigliosa conversazione con David Bohm, professore di fisica teorica all'Università di Londra, Krishnamurti scrive:

«Esiste qualcosa di sacro? Se gli uomini non riusciranno a trovare questa sacralità, la loro vita non avrà alcun significato, sarà una conchiglia vuota. Possono essere molto ordinati, relativamente liberi, ma se non vi sarà questa cosa totalmente sacra, non sfiorata dal pensiero, la vita non avrà un significato profondo.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Esiste qualcosa di sacro, o tutto è materia, pensiero, tutto è effimero, transitorio? C'è qualcosa che il pensiero non può toccare e che di conseguenza è incorruttibile, senza tempo, eterno e sacro? Per arrivarci la mente deve essere completamente, totalmente immota, ciò significa che il tempo si arresta. E deve esserci completa libertà da ogni pregiudizio, da ogni opinione e giudizio. Mi seguite? Solo allora si arriva a questa cosa straordinaria che è senza tempo ed è la vera essenza della compassione.»

Jiddu Krishnamurti

- Jiddu Krishnamurti su Amazon.it
- Libri di Jiddu Krishnamurti su macrolibrarsi.it
- La verita' è una terra senza vie - J. Krishnamurti
- Meditazione nel web » Aforismi » Jiddu krishnamurti
- it.wikipedia.org/wiki/Jiddu_Krishnamurti
- krishnamurti.it
- jkrishnamurti.org

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.