Passa ai contenuti principali

Discussioni su Dio - Wayne Liquorman‏

Niels Bohr, il celebre fisico, disse: «È sbagliato pensare che il compito della fisica sia di scoprire com'è la natura. La fisica riguarda quello che diciamo della natura».

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Ebbene, io penso che questa affermazione sia ugualmente valida per la spiritualità e la religione. Tutte le discussioni su Dio, l'Origine o l'Illuminazione riguardano solo ciò che si dice su questo tema, tanto più se a dirlo è la vostra stessa mente.

(Wayne Liquorman)

Wayne Liquorman incontrò il suo primo ed ultimo guru, Ramesh Balsekar, nel settembre 1987. Nell'aprile 1989 la sua ricerca terminò quando il meccanismo corpo-mente chiamato Wayne sperimentò l'illuminazione. Egli è l'autore di "Senza via d'uscita: per chi è spiritualmente evoluto" che pubblicò sotto il nome di Ram Tzu perché "non voleva che il suo appartamento si riempisse di miserabili ricercatori". Egli è anche l'editore di "La consapevolezza parla" e di altri libri di Ramesh Balsekar- che si riferisce a Wayne come suo figlio spirituale. L'insegnamento che si manifesta attraverso Wayne è puro Advaita (non -dualità) unicamente presentato in modo moderno, umoristico e pungente senza compromessi, dogmi religiosi o intonazioni new age. Wayne non offre cure, esercizi, miracoli o tecniche per raggiungere l'illuminazione. Egli non dà nulla a cui aggrapparsi, nulla da fare, nulla da raggiungere.Tu sei semplicemente invitato a portare i tuoi più cari concetti spirituali in un incontro con Wayne, al termine del quale, se sei molto fortunato, te ne potrai andare senza di essi. ...

Intervista con Wayne Liquorman

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

I rischi della “zona intermedia” - Sri Aurobindo

In questo brano (la risposta ad un discepolo che gli chiedeva consiglio circa le proprie esperienze) Aurobindo tratta dei rischi della "zona intermedia": quello stato o periodo di confusione in cui si esce dalla coscienza personale e ci si apre a quella cosmica, senza aver tuttavia trasceso i livelli della mente umana.

"Tutte queste esperienze sono della stessa natura e ciò che vale per una vale anche per l'altra. A parte alcune esperienze di carattere personale, le altre sono o idee-verità, come quelle che si riversano dall'alto nella coscienza quando si entra in contatto con certi piani d'essere, oppure potenti formazioni provenienti dai più vasti mondi della mente e del vitale le quali, non appena il sadhaka si apre a tali mondi, si precipitano dentro di lui cercando di usarlo per realizzarsi. Queste cose, quando scendono o entrano nella coscienza, si presentano con una grande forza, un vivo senso d'ispirazione o illuminazione, una sensazione vivissim…

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.